Suggerimenti

Trachycarpus Fortunei: [colture, associazioni, parassiti e malattie]

Punti importanti durante la semina di Trachycarpus Fortunei
  • Dove seminare?  In piena luce. Ha bisogno di molta luce solare.
  • Quando?  In primavera .
  • Come prepariamo il terreno?  Rimosso. Con substrato fertile di buona qualità e fertilizzanti liquidi come il guano. Buon drenaggio.
  • Come innaffiamo?  Ideale con gocciolamento .
  • Quanto spesso annaffiamo?  In estate, 2 o 3 volte a settimana senza allagamenti. Resto dell’anno ridurre i rischi.
  • Piaghe e malattie?  Molto resistente a parassiti e malattie.

Trachycarpus fortunei appartiene alla famiglia delle Arecaceae e fa parte del gruppo di specie di palme dioiche originarie dell’Asia.

Alcune specie del genere sono: trachycarpus fortunei, trachycarpus wagnerianus, trachycarpus martianus, trachycarpus takil.

È conosciuto con i nomi di Palmera excelsa, Palmito rialzato, Palmito in piedi, Palmera de Fortune, Palma excelsa o Palma del giardino .

Il Trachycarpus fortunei è una pianta a crescita medio-lenta che può vivere fino a 150 anni. È la specie più piccola della famiglia e del genere a cui appartiene. Il nome generico di questa palma deriva dal greco “Trachys” (ruvido, ruvido) e “karpós” (frutto), per la grossolanità dei suoi frutti .

Il nome della specie (Fortunei) è dedicato al botanico inglese Fortune che viaggiò molto in Cina e Giappone, da cui questo albero ha origine .

Quando piantare un Trachycarpus Fortunei?

Di tutte le specie trachycarpus, fortunei è la più diffusa e coltivata. Può essere seminato in regioni con estati fresche e in zone con inverni miti con temperature non inferiori a -10°C.

La semina del Trachycarpus fortunei viene solitamente effettuata da semi seminati in primavera , ma poiché è a crescita così lenta è meglio che si acquisisca l’esemplare in un luogo specializzato.

Dove farlo?

Il trachycarpus fortunei può sopportare una piena esposizione al sole, e un clima fino a 17°C, ma protetto dai venti.

Si adatta anche alla mezz’ombra ed è molto adatto alle temperature marittime e tollera molto bene i trapianti. Può resistere al gelo.

Se Trachycarpus fortunei è in vaso, dovrebbe essere collocato in un’area fresca e piena di spifferi. Allo stesso modo, va annaffiato due o tre volte alla settimana, in modo che il substrato si mantenga leggermente umido.

È ideale per giardini di grandi dimensioni e per ambienti sia isolati che di gruppo. Alla sua giovane età è possibile utilizzarlo come un pianta d’appartamento, ma sempre con molto grandi vasi in modo che le sue radici crescono senza problemi. Se lo hai in casa, dovrebbe essere in un luogo molto ben illuminato.

Come preparare il terreno?

Non è esigente con il terreno purché mantenga una certa umidità, preferendo terreni argillosi con materia organica. Sostengono bene il trapianto , che possiamo fare in primavera con la zolla.

Allo stesso tempo, il trachicarpo va anche concimato con materiali specifici per palme o fertilizzanti organici liquidi come il guano.

A trapianto effettuato sarà necessario asportare i primi centimetri di terreno per sostituirli con terriccio fresco e aggiungere una sabbia grossolana per aumentare il drenaggio dell’acqua di irrigazione.

Come si innaffia un Trachycarpus Fortunei?

La palma trachycarpus fortunei deve avere un’umidità costante, senza provocare allagamenti.

In estate è necessario innaffiare la pianta, 2 o 3 volte a settimana, evitando le pozzanghere. Il resto dell’anno si raccomanda di ridurre i rischi. Prestare particolare attenzione nei periodi estivi o nei periodi di forte vento.

Come seminiamo un Trachycarpus Fortunei passo dopo passo?

Il trachycarpus può essere moltiplicato per seme seminato in primavera ma data la sua lenta crescita è meglio acquisire gli esemplari in vivai o garden center.

  1. All’interno dei frutti del trachycarpus fortunei ci sono i semi. Questa palma è anche chiamata palma himalayana, perché è quella che resiste alle temperature più basse: fino a 20°C sotto zero.
  2. Per procedere alla semina dei semi si utilizza uno speciale substrato da semenzaio, una miscela di torba e sabbia, che favorisce la crescita delle prime radici, che sono molto delicate e devono avere un buon substrato per riprodursi.
  3. Metti i frutti e premi leggermente. La procedura è la stessa per tutti i tipi di palma, tranne che nel caso della palma da dattero vengono seminate le ossa all’interno del dattero.
  4. Una volta seminati, i vasi vengono portati all’esterno , sia sul balcone che in giardino , e si avrà molta cura che non manchi l’acqua. Siate vigilanti affinché la terra non si asciughi mai.
  5. Dopo alcuni mesi iniziano a comparire i primi germogli. Quando sono cresciuti a sufficienza, i rami vanno rimossi uno ad uno e ripiantati separatamente in vasi più grandi.
  6. Tra due anni circa potrete ammirare un esemplare di palma Trachycarpus Fortunei.

Quali associazioni favorevoli ha?

L’associazione di colture vegetali compatibili produce benefici rispetto alla loro coltivazione separata, oltre all’utilizzo di luce, acqua e/o sostanze nutritive.

Tuttavia, il trachycarpus fortunei, essendo una palma, dovrebbe essere tenuto lontano da erbacce e infestanti per il suo miglior sviluppo e crescita.

Quali parassiti e malattie attaccano Trachycarpus fortunei?

Trachycarpus fortunei è anche noto per la sua resistenza a parassiti e malattie .

Tuttavia, durante i mesi caldi, è necessario prestare particolare attenzione e applicare trattamenti preventivi contro il punteruolo rosso, l’Arconte di Paysandisia.

Sostanze come Imidacloprid e Chlorpyrifos possono essere utilizzate per il trattamento preventivo.

Bibliografia e riferimenti

  • Morcillo San Juan, Antonio. (2015). Guida tascabile agli alberi di Madrid. I 50 alberi più frequenti nei nostri parchi e strade . Mundi-Prensa Libros. Madrid, Spagna.
  • Del Canizo Perate, José Antonio. (2011). Palme. Tutti i generi e 565 specie. Terza edizione. Mundi-Prensa Libros. Madrid, Spagna.
  • De la Torre Manca, Santiago J.; Defago, María T.; Tranne Adriana. (2014) . Insetti fitofagi associati alle palme nella città di Córdoba, Argentina. Giornale della Società Entomologica Argentina. Buenos Aires, Argentina. Riprodotto da: http://www.redalyc.org/articulo.oa?id=322032818008
  • Dugand, Armando. (1965). Le palme e la terra. Caldasia. Università Nazionale della Colombia. Bogotà Colombia. Riprodotto da: https://www.jstor.org/stable/43405852

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *