Funghi

Chlorophyllum rachodes

Caratteristiche macroscopiche

Caratteristiche:

Cappello di taglia intermedia all’interno delle Macrolepiotas, il suo diametro può raggiungere al massimo i 20 cm. Nella sua prima fase è globosa, si apre gradualmente, è semisferica, convessa e infine si estende. La sua superficie è ricoperta da scaglie brune, che possono avere una tonalità rossastra o grigiastra, e che si screpolano più o meno concentricamente verso il margine, mantenendo una sorta di disco marrone al centro. Lo sfondo è biancastro, a volte con macchie rosa, e il margine è quasi sempre sfrangiato e screpolato.

Fogli liberi in relazione al piede, di colore bianco con tendenza ad arrossare nelle zone danneggiate, da vecchi assumono un colore marrone, soprattutto sul bordo.

Piede cilindrico con un apprezzabile ispessimento nella zona basale, con un colore di fondo chiaro ma con fibrille che gli conferiscono un tono ocra o grigiastro. È fistuloso e rubescente quando lo si gratta con l’unghia, ha anche un doppio anello mobile, generalmente biancastro.

Carne spessa sul cappello, di colore bianco, che all’inizio diventa rossastra al taglio e dopo pochi minuti diventa di una tonalità sporca. Il piede è legnoso, non ha la carne del cappello. Il sapore è dolce e l’odore è fungino.

Habitat:

Questo fungo è variabile anche in habitat, può crescere nelle foreste, sui bordi delle strade e nei campi, ed è relativamente comune trovare il Chlorophyllum brunneum, precedentemente considerato la varietà ortensia di Chlorophyllum rhachodes nelle aree vicine agli insediamenti umani, come le discariche di rifiuti. È una specie autunnale frequente, ma non troppo abbondante in molte zone.

Commenti:

Una specie indipendente e tossica è stata considerata Macrolepiota venenata, ora sinonimo di Chlorophyllum rachodes, se esiste una specie tossica simile, Chlorophyllum molibdites, di spora verdastra. Sembra che il var. hortensis stesso, ora Chlorophyllum brunneum sia indigesto per gli stomaci delicati, forse in parte perché si trova in aree ruderali, con l’importante assorbimento di metalli pesanti che questo implica. Più tipica e più grande è la Macrolepiota procera, che ha un piede soriano e una spora bianca, che è buona da mangiare.

Ulteriori informazioni:

  • Nome comune:
    Minore opaco, parasole di carne rossa, galanperna mamigorriska, apagalli a letto bianco.
  • Sinonimo:
    Macrolepiota rhacodes (Vittad.) Singer

Tassonomia:

  • Divisione:
    Basidiomycota
  • Suddivisione:
    Basidiomicotina
  • Classe:
    Omobasidiomiceti
  • Sottoclasse:
    Agaricomycetidae
  • Ordine:
    Agaricales
  • La famiglia:
    Agaricaceae

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.