Funghi

Suillellus queletii

Caratteristiche macroscopiche

Caratteristiche:

Cappello allo stato adulto di diametro compreso tra 10 e 15 cm, prima emisferico, poi convesso, poi convesso e infine esteso senza appiattirsi completamente. Il colore dello stesso è variabile, poiché può essere rosso mattone, marrone arancione, e avere diverse tonalità di colore nello stesso esemplare. Non è viscoso ma asciutto, e la sua superficie esterna è liscia o finemente pubescente, soprattutto quando è giovane.

Tubi giallastri e poi olivastri, perfettamente separabili dalla polpa del cappello, di lunghezza un po’ variabile, per cui è difficile definire se sono lunghi o corti.

I pori giallastri quando l’esemplare nasce, diventano rapidamente arancioni, e alla fine rossastri, anche se di solito sono più giallastri nella zona vicino al margine del cappello. Cambiano colore con la pressione in toni blu-verde.

Piede cilindrico, generalmente allargato nella zona centrale e attenuato alla base, anche se a volte più uniforme. Il suo colore è giallo, a volte con sfumature arancioni, ed è liscio, privo di reticolazione e punteggiato solo di rosso nel var. rubicundus. La caratteristica principale è il colore rosso vino che adotta alla base.

Carne spessa e compatta, gialla in tutta la sua superficie, tranne che alla base del piede, dove è di colore rosso scuro. Piastrelle tagliate su toni di blu marino in modo rapido e intenso. Odore morbido e fruttato e sapore leggermente acido a crudo.

Habitat:

Frutta in estate e soprattutto in autunno, più comune nei boschi di latifoglie, e si trova sia nei boschi di faggio che di quercia. È una specie relativamente comune.

Commenti:

La variabilità del colore del cappello aveva dato origine ad alcune varietà secondo alcuni autori, come il Boletus queletii var. lateritius, con il suo cappello rosso mattone. Boletus queletii var. rubicundus è talvolta cespitoso e ha un piede molto più rosso della specie tipica, anche se attualmente sono tutti sinonimi sotto lo stesso taxon, Suillellus queletii. Si può facilmente confondere con il Boletus erythropus dalla testa bruna con un piede marcatamente rosso punteggiato, così come con il Suillellus luridus reticolato, o con la specie tossica Suillellus satanas, che ha un cappello biancastro e carne bianca.

Ulteriori informazioni:

  • Nome comune:
    Il biglietto di Quelet.
  • Sinonimo:
    Boletus queletii (Schulzer)

Tassonomia:

  • Divisione:
    Basidiomycota
  • Suddivisione:
    Basidiomicotina
  • Classe:
    Omobasidiomiceti
  • Sottoclasse:
    Agaricomycetidae
  • Ordine:
    Newsletter
  • La famiglia:
    Boletaceae

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.