Funghi

Rodocybe gemina

Caratteristiche macroscopiche

Caratteristiche:

Cappello con un diametro che può variare tra i 4 e i 10 (12) cm, come un giovane convesso, mentre si sviluppa si appiattisce verso il margine lasciando il centro del cappello frequentemente evidenziato, come un mamellone ottuso, infine si appiattisce e può anche diventare un po’ depresso in età avanzata. La sua cuticola è liscia, di colore variabile a seconda delle condizioni climatiche e dell’ecologia, ma sempre la sua base cromatica è ocra, con sfumature rossastre o rosate nella sua forma più tipica. In un primo stato di sviluppo, il margine viene fortemente arrotolato, aprendosi gradualmente fino a diventare irregolarmente ondulato nei campioni più sviluppati.

Fogli leggermente decorrenti, con abbondanti scaglie, ben impacchettati, stretti e taglienti sul bordo, di colore da biancastro a crema, leggermente rosato per effetto della sporulazione.

Piede leggermente corto in individui giovani e poi proporzionato al cappello, pieno e solido, di solito liscio anche se pruinoso all’apice, cilindrico, di colore variabile, biancastro o dello stesso colore del cappello.

Carne bianca spessa e consistente, a volte con qualche sfumatura rosata in alcune zone, con un piacevole odore fungino con un sottofondo farinoso e un sapore altrettanto piacevole, forse con qualche accenno di frutta secca.

Habitat:

È una specie profondamente cosmopolita, dobbiamo elencare per essa una moltitudine di habitat diversi, può uscire sotto qualche conifera, sotto i planifogli degli alberi, in vari alberi lungo il fiume, e naturalmente, nei prati o nelle brughiere di montagna, essendo in quest’ultimo habitat dove esce forse con più profusione. È una specie che raramente lascia isolato, formando di solito gruppi, file o cerchi più o meno numerosi. I suoi periodi dell’anno preferiti sono la primavera e l’autunno.

Commenti:

Questa specie è un commestibile abbastanza accettabile, è carnosa e ha un sapore gradevole, viene raccolta in alcuni luoghi come la “rojilla”. C’è qualche polemica sulla separazione di Rodocybe truncata e gemina, gli studi più recenti sembrano finalmente separarli. Nel capitolo sulla confusione, vale la pena di notare la sua notevole somiglianza con la specie Leucopaxillus gentianeus, che è sempre bianca e dnata, con un accentuato odore farinoso e un sapore estremamente amarognolo.

Ulteriori informazioni:

  • Nome comune:
    Rojilla, gorritza, errotari marroi-arrosa.
  • Sinonimo:
    Clitopilus geminus (Paulet) Noordel. & Co-David

Tassonomia:

  • Divisione:
    Basidiomycota
  • Suddivisione:
    Basidiomicotina
  • Classe:
    Omobasidiomiceti
  • Sottoclasse:
    Agaricomycetidae
  • Ordine:
    Pluteal
  • La famiglia:
    Entolomataceae

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *