Suggerimenti

Carex: [Colture, Associazioni, Parassiti e Malattie]

Punti importanti durante la semina Carex
  • Dove seminare? In piena luce. Ha bisogno di luce solare, ma cresce anche in mezz’ombra.
  • Quando? In primavera .
  • Come prepariamo il terreno? Suoli profondi e umidi. Con substrato con buone condizioni di drenaggio.
  • Come innaffiamo? Con irrigazione a goccia o localizzata.
  • Quante volte annaffiamo?: In estate , tutti i giorni. Il resto dell’anno innaffiature distanziate. Non resiste alla siccità.
  • Piaghe e malattie? Molto resistente ai parassiti, può essere colpito da funghi.

Piante sempre verdi , le carex sono un genere di piante appartenenti alla famiglia dei carici che producono costantemente nuove foglie mentre quelle più vecchie appassiranno. I fiori appaiono raggruppati in infiorescenze a forma di spiga.

Quando seminare il Carex?

La primavera è la stagione migliore per seminare la tartaruga, poiché la pianta può essere divisa per avere nuovi esemplari, oppure i suoi semi possono essere seminati in vasi individuali con substrato di coltivazione universale. I carex producono numerosi semi che ri-seminano spontaneamente.

Dove farlo?

I carex sono graminacee che devono essere coltivate all’aperto , sia in pieno sole che in mezz’ombra e si possono seminare dove si preferisce, è però necessario assegnare loro un luogo molto fresco con molta luce.

Crescono rapidamente e in qualsiasi angolo, quindi sono consigliate come specie per abbellire quei buchi che sono stati lasciati vuoti nei giardini, o per dare loro un tocco più rustico, ma senza perdere l’eleganza.

Per apprezzare tutta l’attrattiva e l’eleganza del fogliame pendulo fine e argenteo di questo carex, alcuni orticoltori e giardinieri consigliano di piantarlo in un vaso alto.

Il carex cresce praticamente in tutte le zone climatiche del mondo, ma è stato dimostrato che non è presente nella maggior parte dell’Africa e dell’Arabia. Pertanto, possono essere piantati in giardini dove le precipitazioni sono basse o dove le temperature sono fredde.

Queste piante sono molto adatte all’utilizzo in laghetti e corsi d’acqua, nei sottoboschi umidi e nelle zone ombrose e umide del giardino .

Come preparare il terreno?

Sebbene il carex cresca in tutti i tipi di terreno ; Calcareo o siliceo, richiede suoli profondi e umidi, o ben allagati, e predilige quelli non troppo poveri di elementi nutritivi.

È importante preparare il substrato con buone condizioni di drenaggio in modo che l’umidità aiuti lo sviluppo della pianta, ma prestare le dovute attenzioni per evitare ristagni d’acqua.

A seconda della varietà, il carex può essere piantato sia in zone umide che in terreni più asciutti del giardino.

Ad esempio, la varietà carex pendula, pianta autoctona la cui foglia verde può raggiungere un metro di altezza, necessita di un ambiente molto umido e di ombra per la sua coltivazione.

Per seminare in terreni asciutti ci sono le varietà di carex buchananii, con foglie rossastre, e la carex testacea che ha fogliame verde, ma affrontando il sole acquisiscono una tonalità aranciata molto intensa.

Come innaffiamo il Carex?

Le piante di carex sono poco resistenti alla siccità, quindi se messe a dimora in piena terra, possono essere annaffiate giornalmente, soprattutto durante l’estate, quando il clima è molto caldo e secco.

Al contrario, se vengono coltivate in vaso, è necessario annaffiarle 2-3 volte a settimana, e si può anche utilizzare la tecnica di mettere un piatto sotto il contenitore e riempirlo.

Alcuni tipi di tartaruga, come la varietà carex albula, non provengono da zone umide e possono tollerare momenti di siccità, quindi va annaffiata con moderazione, senza saturare il terreno , ma senza farlo asciugare completamente.

In genere è una pianta che sopporta bene terreni periodicamente o permanentemente allagati, purché la pianta non sia profonda più di 20 cm.

Come seminiamo il Carex passo dopo passo?

Per piantare il carex, se si trova in una zona allagata, può essere sviluppato in pieno sole, anche se il suo posto ottimale è in mezz’ombra o in ombra intensa.

In giardinaggio si può seminare in zone non allagate, ma sempre ombrose e umide con una densità di impianto: 2-4 piante/mq. La coltivazione del carex è semplice e, come molte graminacee, può essere riprodotta per divisione della pianta.

  1. Scegli un vaso, posiziona il substrato che può essere di qualsiasi tipo, ma con grande capacità drenante.
  2. Posizionare il compost con fertilizzanti speciali per il tipo di varietà di Carex che si è scelto di seminare.
  3. Partendo dalla parte centrale della pianta, viene suddivisa in più parti e si sceglie quella che ha una radice in modo che possa riprodursi e crescere.
  4. Semina con una profondità che non superi i 20 cm.
  5. Innaffia abbondantemente senza allagare.
  6. Posiziona la pianta in un luogo dove c’è sole o mezz’ombra.

Quali associazioni favorevoli ha?

Per la loro piantagione, il carex può essere associato ad altre graminacee. Nel giardinaggio sono generalmente associati ad altre specie come le piante per riempire una bella composizione.

Ad esempio, puoi piantare una conifera come il Pinus Mugo Mops che aggiungerà verticalità alla composizione, insieme a un’altra conifera come un ophiopogon giapponese e infine piantare le tartarughe simili a paglia che porteranno movimento e grazia.

Quali parassiti e malattie attaccano il Carex?

È una pianta molto resistente a parassiti e malattie . Tuttavia, l’importante è stare molto attenti all’umidità, che potrebbe causare problemi fungini nel guscio di tartaruga.

E’ importante notare che i carex sono piante che si coltivano all’aperto; pertanto, sono suscettibili di essere attaccati da parassiti e malattie.

Pertanto, è necessario essere molto attenti e occuparsi rapidamente di eventuali sintomi che possono presentare.

Bibliografia e riferimenti

  • Luceno, Modesto. (1994). Monografia del genere Carex nella Penisola Iberica e nelle Isole Baleari. CSIC Editoriale. Madrid, Spagna.
  • Matteo Sanz, Gonzalo. (2013). Le piante del sistema iberico orientale e il loro ambiente: una guida illustrata per la loro identificazione. Consulente botanico ed editore Jolube. Jaca-Spagna.
  • Molina, A.; Acedo, C.; Lama, F. (2006). Osservazioni sul genere Carex nella provincia di León (NW Spagna) . Lagascalia. Università di León. Leon-Spagna. Riprodotto da: https://idus.us.es/bitstream/handle/11441/54146/Observaciones.pdf?sequence=1&isAllowed=y
  • Jiménez Mejias, Pedro; Scudiero, Marcial; Chaparro, Antonio Gesù; Luceno, Modesto. (2007). Novità corologiche del genere Carex per la Penisola Iberica. Atto Botanico Malacitana. Málaga, Spagna. Riprodotto da: https://riuma.uma.es/xmlui/bitstream/handle/10630/3703/32.Carex.pdf?sequence=5

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.