Suggerimenti

Semina porri: quando, come, dove e molto altro [12 passaggi]

Il porro è stato storicamente un ottimo compagno per qualsiasi zuppa. Il sapore che  dà a molti piatti è incredibile  e molte ricette lo includono.

Inoltre, il porro è un parente stretto di aglio e cipolla .

Uno dei punti di forza dei porri è che possono essere coltivati ​​durante tutto l’anno.

Quindi se vogliamo  seminare i porri nel nostro orto , possiamo farlo senza paura delle alte temperature o degli inverni rigidi.

La parte commestibile del porro è il suo gambo bianco e sono un tipo di verdura a foglia.

Seminare i porri passo dopo passo:
  • Dove? A febbraio e da luglio a settembre .
  • Quando? Si adattano bene a qualsiasi temperatura e in qualsiasi periodo dell’anno .
  • Tempo di raccolta? In circa 5-6 settimane dalla semina.
  • Come prepariamo il terreno? Molto mosso e scolpito (motozappa ideale). Ricco di hummus , fresco e sciolto.
  • Come paghiamo? Se è con materia organica come compost o letame che è molto decomposto . Ideale per utilizzare luoghi con forti piantagioni in compost (come pomodori o melanzane ).
  • Come vengono seminati? Molto più facile dal campus . In caso di seme , circa 10cm di profondità . In ogni caso lasciare uno spazio di 10cm per pianta .
  • Quando vengono raccolti? Quando gli steli avranno raggiunto circa 15-20cm .
  • Quali malattie e parassiti hanno? Principalmente la mosca del porro . Si evita seminando sedano e carote.
  • Cosa seminiamo nelle vicinanze? Sedano, carote , pomodori e fragole .
  • Cosa NON seminiamo nelle vicinanze? Fagioli , lattuga , ravanelli , barbabietole e piselli .

Dove dobbiamo seminare i porri?

I porri richiedono sole . Tanta luce solare. Quello soprattutto.

I porri sono una pianta rustica e fanno molto bene nella maggior parte dei climi . È molto resistente al freddo , quindi può passare l’ inverno senza problemi.

Possiamo iniziare a coltivarlo all’inizio della primavera o tra luglio e settembre.

In ogni caso e come ogni pianta, una temperatura più calda e piacevole (tra 18º e 25ºC) farà sì che il porro possa crescere molto più vigorosamente .

Nelle estati molto calde e con scarse precipitazioni , bisogna annaffiare il porro più spesso.

Come prepariamo il terreno?

Dobbiamo preparare la terra in modo che sia ben coltivata e trasformata . L’uso di una motozappa sarà di grande aiuto. Vogliamo un terreno ricco di humus , sciolto e fresco.

Faremo in modo che non manchi l’umidità . Non ama i terreni pesanti, compatti e induriti . Quindi prima di utilizzare la motozappa o scavare a mano, se il terreno è molto duro, è consigliabile annaffiare un po’ e rilasciarlo.

È anche conveniente rimuovere eventuali massi che potrebbero essere lì.

Come concimiamo la terra?

A porri non piace niente letame e compost poco decomposto . Quindi se usiamo materia organica faremo in modo che sia ben decomposta .

Sarebbe ideale, come la valeriana o gli spinaci, utilizzare il terreno in cui c’è stata una precedente coltivazione.

Trucco:

I porri
trarranno grande beneficio dagli apporti di azoto che possiamo apportare. Quindi possiamo dare loro consolida maggiore , tè di compost o tè di letame.

Come innaffiamo?

Anche in questo caso , la scelta ideale è l’ irrigazione a goccia

Non dobbiamo preoccuparci eccessivamente dell’annaffiatura di queste piante , se non in estate . Nei periodi estivi bisogna fare attenzione che ricevano acqua a sufficienza e che la terra sia costantemente umida . Le articolazioni hanno bisogno di umidità per la maggior parte del tempo e in caso di mancanza ne soffrono.

Come vengono seminati?

Sia perché abbiamo un piccolo orto urbano o perché abbiamo un campo interessante per coltivare i porri , è un’opzione che ci interessa perché non sono troppo difficili da coltivare e raccogliere.

I semi di porro, come quelli delle cipolle , sono molto delicati . Ti consigliamo di acquistare scuole già cresciute per renderlo molto più semplice.

Seminando le sagome e mettendo un po’ di compost , il modo in cui dovremo raccogliere i porri sarà più facile .

Tuttavia, se hai semi e semini porri dall’inizio, faremo la semina diretta tra agosto e settembre. Seppelliremo i semi a circa 10 cm di profondità, annaffieremo leggermente e metteremo del compost ben decomposto.

Dobbiamo monitorare costantemente l’umidità intorno alle piante di porro . O agli inizi, quando sono già cresciuti un po’.

Lasceremo una distanza tra le piante di circa 10-15cm l’una  dall’altra quando coltiviamo i semi o li trapiantiamo .

Trucco:
La pacciamatura con paglia o qualsiasi altro componente organico che possa coprire la terra e quindi mantenere l’umidità è molto favorevole per loro. Mettere uno strato di paglia sul terreno è l’ideale per piantare i porri.

La cura che dovremo applicare nella nostra piantagione sarà, soprattutto, l’ eliminazione delle erbe infestanti , che tendono ad essere una forte competizione per le nostre colture e anche attenzione a possibili parassiti o malattie.

Quando vengono raccolti?

Possiamo raccogliere i porri quando gli steli raggiungono i 15-20cm . L’ideale è farlo quando raggiungono il loro massimo grado di sviluppo , ma non succede nulla se ne raccogliamo un po’ prima del tempo per consumarli e testarli.

Quali parassiti e malattie troviamo?

Il suo peggior nemico è il verme del porro . È letale, poiché deposita le uova nelle foglie del porro e per terra. Possiamo vedere che le foglie assumono un colore giallastro fino a quando non finiscono per marcire .

Le carote o il sedano piantati vicino ai porri possono essere un buon repellente per le farfalle che depongono le larve. Inoltre, i porri respingono la mosca della carota .

Se la tua intenzione è quella di piantare porri o carote, ricorda che vanno molto d’accordo e che è una buona idea coltivarli allo stesso tempo.

Quindi sono un’associazione molto utile.

Cosa piantiamo accanto ai porri?

Come abbiamo già detto, carote e sedano sono ottimi accompagnamenti.

Ma andrà benissimo anche con pomodori e fragole.
Lo sconsigliamo con le cipolle , poiché i parassiti che lo attaccano attaccano anche i porri.

Si sconsiglia la semina insieme a fagioli , lattuga, ravanelli, barbabietole e piselli.

Proprietà del porro

Come l’aglio, anche i porri hanno ottime proprietà nutritive . Il porro è una pianta sana, che dovremmo usare più spesso nella nostra cucina .
Possiamo evidenziare le seguenti proprietà :
  • Antisettico e digestivo .
  • Emollienti, lassativi e tonici.
  • Inoltre, è ricco di Vitamine A, B, C e PP .
  • Ha zolfo , bromo, calcio, zinco, sodio, fosforo , magnesio, ferro , rame e cloro (come puoi vedere, una buona quantità di minerali).

Non c’è dubbio che queste piante possano essere positive per la nostra salute. Soprattutto se siamo in grado di coltivarli da soli e sappiamo che non sono stati spruzzati con alcun componente chimico.

Lo sapevate…
Sapevi che i porri possono essere efficaci anche come piante antizanzare ?

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.