Suggerimenti

Cocciniglia a coste: [come identificarla e come trattarla]

La cocciniglia ondulata ( Icerya purchasi ) è un parassita che si verifica frequentemente in molti tipi di colture poiché si nutre della linfa delle piante.

Tra le sue preferenze ci sono gli agrumi, ma è probabile che aderisca ad altri tipi di colture quando attacca un frutteto o una piantagione.

Esistono rimedi sia naturali che chimici per affrontarlo , quindi non dovrebbe diventare un problema molto avanzato se curato in tempo.

Non permettere che le tue colture siano colpite dalla cocciniglia ondulata e annota le informazioni che ti portiamo per evitarlo o essere in grado di combatterlo.

Vai avanti!

Cos’è la cocciniglia ondulata?

La cocciniglia ondulata è un insetto che viene classificato all’interno della famiglia degli omotteri e che nel mondo scientifico viene chiamato Icerya Purchasi.

Tra le sue caratteristiche principali troviamo:

  1. La struttura del corpo è di forma ovale ed è ricoperta da uno strato bianco duro che dà l’immagine di essere morbido, come il cotone. A causa del colore contrastante con il verde delle piante è più facile riconoscerle.
  2. La bocca è formata da un dispositivo di aspirazione che utilizza per perforare la struttura delle piante e quindi estrarre la linfa che le attraversa.
  3. Hanno la preferenza di attacco verso la famiglia degli agrumi e verso quelle piante che hanno fusti di tessitura legnosa.
  4. Non attacca da solo ma forma grandi colonie che, con il passare del tempo, possono diventare molto numerose se non si esercita un trattamento correttivo.
  5. La femmina di solito depone le uova progressivamente durante il suo ciclo. Pertanto, le uova si schiudono in tempi diversi, mantenendo la popolazione costante o aumentandola. Non hanno bisogno di maschi per svolgere questo processo riproduttivo, quindi è molto comune che la maggior parte dei membri della colonia siano rappresentati da femmine.

Consumare durante tutto il suo ciclo di vita

Una delle considerazioni più importanti sulla cocciniglia ondulata è che consuma la struttura della pianta in tutte le sue fasi.

Cioè da quando sono ninfe e sfruttano i teneri germogli, fino a quando raggiungono la maturità e si spostano nelle zone più dure.

Infine, vale la pena dire che si tratta di un insetto che opera quando le temperature ambientali sono calde.

Per questo motivo è necessario prestare attenzione in estate, senza trascurare la primavera e l’inizio dell’autunno.

Ciclo di vita della cocciniglia ondulata

La cocciniglia a coste infesta ramoscelli e rami.

È ermafrodita e ha una forma ovale, bruno rossastra con peli neri, lunga 5 mm.

Quando è maturo, l’insetto rimane immobile, si attacca alla pianta per mezzo di secrezioni cerose, e produce nel corpo, per estrusione, una sacca bianca scanalata che racchiude centinaia di uova rosse.

Il sacco delle uova crescerà da due a tre volte più lungo del corpo. Le ninfe appena nate sono la fase di dispersione primaria, con la dispersione che si verifica per vento e resistenza.

Le ninfe in fase iniziale si nutrono di nervature fogliari e piccoli ramoscelli e provocano la maggior parte dei danni. Ad ogni muta lasciano la vecchia pelle e le secrezioni cerose di cui erano stati ricoperti e da cui deriva il loro nome comune all’antico punto di alimentazione.

A differenza di molti altri insetti di scala, le cocciniglie scanalate mantengono le gambe e la mobilità limitata durante tutte le fasi della vita. Le ninfe più anziane migrano verso rami più grandi e infine da adulte verso rami e tronco.

Il suo ciclo di vita è fortemente dipendente dalla temperatura, poiché la durata di ogni fase è più lunga a basse temperature che ad alte temperature.

Oltre ai danni diretti dall’aspirazione della linfa, gli insetti secernono anche melata, sulla quale spesso cresce la muffa fuligginosa, causando ulteriori danni alla pianta ospite.

Alcune formiche consumano anche questa melata.

In che modo la cocciniglia ondulata influisce sulle nostre colture?

  • La cocciniglia ondulata basa la sua dieta sul consumo di linfa che succhia da diverse zone delle piante.
  • Tuttavia, questo è un danno che potrebbe essere considerato primario, poiché ci sono anche conseguenze successive che destano preoccupazione.
  • Il primo di questi è che scartano una specie di melassa che lasciano in tutta la pianta.
  • Questa melata è attraente per altri insetti, come le formiche , che la trovano una piacevole fonte di cibo.
  • Ma la cosa più dannosa è che la melassa funge da punto di insediamento per il fungo che produce una malattia nota come grassetto .
  • Pertanto, se le misure correttive non vengono prese in tempo, potrebbe non essere solo prima della necessità di assistere a un attacco di parassiti, ma anche di malattie.
  • Ed è importante notare che il grassetto non è solo una macchia che si stabilisce sul raccolto e lo danneggia visivamente, ma impedisce anche il processo di fotosintesi .
  • Pertanto, è molto probabile che una pianta colpita e incustodita possa morire a breve termine.
  • Un ultimo fattore di danno che di solito si verifica ha a che fare con la presenza di macchie di consistenza cotonosa sugli steli.

Come possiamo identificare la cocciniglia ondulata?

  1. I sintomi che la cocciniglia scanalata sta attaccando le colture sono evidenziati dalla clorosi sulle foglie.
  2. Questo perché il consumo della linfa impedisce ai fluidi interni di svolgere efficacemente i loro processi , compresa la formazione di clorofilla.
  3. D’altra parte, è possibile che le foglie inizino ad apparire malformate dopo un qualche tipo di attacco, poiché ne riduce la vitalità.
  4. Nel caso della produttività della pianta, tenuto conto della sua predilezione per gli agrumi, questa può risultare diminuita o di qualità inferiore al previsto.

Quali prodotti sono utili contro la cocciniglia ondulata?

Ci sono molti prodotti naturali e fatti in casa che possiamo usare per affrontare un attacco di cocciniglia ondulata.

Sapone di potassio

La pulizia con sapone di potassio è una delle strategie più efficaci. Questo è un prodotto che può essere diluito in acqua e applicato, senza paura, sulla pianta.

Grazie alla sua azione, gli attuali insetti presenti verranno eliminati impedendo l’arrivo di nuovi.

Inoltre, sarà possibile eliminare le tracce di melassa che rimangono sparse su tutta la superficie.

Predatore naturale: Rodolia Cardinalis

Un’altra strategia è data dall’azione biologica, che si attua con l’incorporazione di un predatore naturale come Rodolia Cardinalis.

Cotone o alcool

Quando si tratta di piccole piante, un buon modo per attaccare è pulire la superficie con un batuffolo di cotone imbevuto di alcol.

Se nessuna delle suddette procedure dà esito positivo, l’alternativa più drastica è rappresentata dagli insetticidi.

È vero che questi sono molto più efficaci per la loro eliminazione, ma generano sempre un effetto negativo sulle colture che è meglio evitare.

Quali colture colpisce la cocciniglia ondulata?

Come abbiamo già accennato, la cocciniglia ha una seria predilezione verso le colture di agrumi, come arancia , limone o pompelmo.

Tuttavia, numerose colonie sono state localizzate anche su piante come melanzane , pomodori e meloni .

La cocciniglia di solito cerca spazi per nascondersi all’interno della pianta.

Per questo motivo una tecnica che può offrire risultati positivi è la potatura, applicandola sia per rimuovere le parti più danneggiate sia per aprire gli spazi ed evitare che si nasconda.

In generale, è molto difficile eliminare completamente la cocciniglia perché è una parte naturale degli ecosistemi. L’importante è tenerlo sotto controllo.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.