Suggerimenti

Come piantare la ruta nel tuo giardino: [Guida completa + passo dopo passo]

 Ruta graveolens , comunemente chiamata ruta, È una specie della famiglia delle Rutaceae, originaria dell’Europa meridionale. .

Viene solitamente coltivata come pianta ornamentale da giardino, soprattutto per le sue foglie bluastre e per la sua tolleranza ai terreni secchi e al caldo.

Oltre a questo, la ruta è considerata anche una pianta medicinale per i molteplici usi terapeutici che può esserne data. 

È anche noto per essere una pianta contro gli insetti o contro le zanzare .

Ma attenzione, la ruta può essere una pianta velenosa , quindi devi stare molto attento quando la raccogli. 
Punti importanti durante la semina della ruta:
  • Quando? In primavera e in estate; la raccolta dovrebbe essere fatta ad agosto.
  • Dove? L’ideale è il terreno alcalino, ma anche sassoso, calcareo e sabbioso.
  • Esigere cure? Sopporta temperature gelide, ma deve essere ben protetto dal freddo e dai venti.
  • Come preparare il terreno? Non necessita di cure particolari, ma il terreno va concimato, anche se può essere coltivato anche in vaso.
  • Come innaffiamo? Va annaffiato due volte a settimana, con moderazione. Ideale, irrigazione a goccia .
  • Associazioni sfavorevoli? Cetriolo , cavolo cappuccio , basilico o salvia .
  • Piaghe e malattie? Mosca bianca , acari, afidi, falene, coleotteri, pulci, vermi cipolla , lumache , lumache, mosche e coleotteri giapponesi.

Quando seminare la ruta?

È meglio piantare i semi o le talee in primavera o in estate e attendere tre settimane prima della germinazione.

La ruta è un arbusto alto tra i 50 e i 100 centimetri.

Ha un fusto legnoso, ramificato e tondo, foglie carnose verde- bluastre e grigie o biancastre, alterne, picciolate.

Le foglie sono provviste di ghiandole che emanano un forte odore acre e amaro quando strofinato. 

Lo sapevate…
La pianta produce tè alla ruta che ha molteplici proprietà medicinali, in quanto viene utilizzata per curare ansia, spasmi muscolari, epilessia, artrite, cefalea, sclerosi multipla, cancro alla bocca, ritenzione di liquidi, emorragie, febbre ed epatite.

Viene anche usato per aborti, per uccidere i batteri o per regolare le mestruazioni.

La ruta è una pianta molto tossica, quindi l’agricoltore deve stare molto attento quando la maneggia.

Dove piantiamo la ruta?

La ruta è una pianta mediterranea che cresce in condizioni soleggiate o semiombreggiate. Ha il vantaggio di tollerare il gelo, può resistere a temperature fino a -15 gradi Celsius, purché sia ​​ben protetto dal freddo e dai venti.

Tipo di terreno

 Idealmente, dovrebbe avere un terreno alcalino, perché così produrrà fiori in maggior quantità e più belli.

Ma può essere piantata anche in terreni asciutti, sassosi e calcarei.

Il terreno deve avere un buon drenaggio che non tolleri i terreni accidentati compatti e argillosi.

Lo sapevate…
I luoghi dove viene piantata la ruta dipendono dalle credenze di ogni paese, perché questa pianta, mentre in alcuni paesi viene utilizzata per gustare il caffè, in altri viene utilizzata per allontanare le cattive vibrazioni, qualcosa che è noto come “il bollitore” In paesi come il Venezuela.

In Cile, la ruta è piantata all’ingresso delle case, dietro la porta, per scongiurare visite femminili indesiderate che portano sfortuna ; il rosmarino è usato per allontanare gli uomini .

In Perù c’è l’idea che questa pianta porti fortuna negli affari; per questo si mette un fascio di ruta in un secchio d’acqua , che generalmente viene tenuto nascosto perché l’odore forte non è di gradimento della clientela.

Come prepariamo il terreno per la coltivazione della ruta?

Essendo una pianta che cresce in terra povera,  si consiglia di concimare il terreno. 

Non richiede un trattamento speciale.

 Il luogo prescelto deve avere molto sole,  e può essere in terra o in vaso.

Se è ruta maschile, secondo una tradizione esoterica , dovrebbe trovarsi sul lato sinistro del giardino ; se è femmina, a destra.

La ruta maschio ha foglie grandi e la femmina ha foglie piccole.

Come innaffiamo?

La ruta va annaffiata non più di due volte a settimana, con moderazione.

Non va lasciato senza annaffiare perché se si secca può subire le conseguenze dell’attacco di acari e mosche bianche.

L’irrigazione che consigliamo è a goccia.

Come seminiamo la ruta passo dopo passo?

La semina può essere per talea o per seme ; se è con semi, non sarà necessario coprirli di terra, e devono avere una buona illuminazione affinché germinino.

Semina da seme

  1. I semi devono essere seminati a 3 cm di profondità e attendere tre settimane per la germinazione.
  2. Quando le piantine iniziano a crescere devono essere trapiantate nel luogo finale di raccolta.
  3. La pianta va potata per la formazione a metà primavera, e la seconda potatura va fatta in inverno; Questa deve essere una potatura completa per rafforzarla e far nascere i polloni.
  4. Ci deve essere una temperatura di venti gradi centigradi (20º C) per la riproduzione .
  5. Una volta effettuata la potatura, la pianta può essere lasciata a livello del terreno, ma deve essere mantenuta molto umida.

Semina in vaso

  1. La ruta può essere coltivata anche in vaso.
  2. Le foglie di ruta dovrebbero essere raccolte prima della fioritura, quando si sono formati i boccioli dei fiori.
  3. Questa procedura va praticata quando i fiori non si sono ancora aperti, in quanto in quel momento la pianta è più ricca di oli floreali.
  4. Una volta raccolte, le foglie vanno lasciate ad essiccare in un luogo fresco.
  5. E infine le foglie vanno conservate in contenitori asciutti e puliti, al riparo dal sole.

Quando possiamo raccogliere?

La vendemmia deve essere fatta  in agosto. 

In ogni caso, dopo la coltivazione della ruta, è l’ideale iniziare la raccolta prima della fioritura della pianta. In questo modo conserverà molto meglio gli oli essenziali.

Quali associazioni favorevoli ha?

Rue non ha compagni nella vita vegetale ; ciò significa che non ha associazioni favorevoli, sebbene ne abbia di sfavorevoli. 

Quelle associazioni sfavorevoli sono cetriolo, cavolo, basilico o salvia.

Quali parassiti e malattie ha?

Questa pianta è colpita da mosche bianche e acari, soprattutto quando manca l’irrigazione.

Viene attaccato anche da una farfalla dai colori vivaci , come il bruco , detto machaon, che si nutre di piante della famiglia delle ombrellifere.

Anche i loro nemici sono afidi, falene, coleotteri, pulci, vermi di cipolla, lumache, lumache, mosche e coleotteri giapponesi.

 

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *