Suggerimenti

Come realizzare vasi autoirriganti riciclati: guida completa

Ciao a tutti cari Agrohuerters! Oggi vi proponiamo una soluzione a uno degli aspetti dell’orto urbano che solitamente causa i maggiori problemi a RURbanitas: l’ irrigazione . Conoscete le pentole autoirriganti? O perché annaffiamo troppo, perché non riusciamo a annaffiare o perché alla fine ci dimentichiamo che una delle cause più frequenti che il raccolto o le piante vanno a male è che non annaffiamo bene.

Idee per realizzare pentole autoinnaffianti

Inoltre questo problema pone grossi problemi in vacanza, soprattutto d’estate , perché se non siamo in casa dobbiamo andare in giro a chiedere favori al vicino per innaffiare le piante o lasciarle all’avventura senza annaffiare per una settimana, cosa che fa presagire che con le alte temperature che si verificano in questo periodo i nostri impianti non avranno molto futuro .

Pertanto, oggi in questo post, accompagnato da un video, ti spiego come realizzare delle pentole autoirriganti semplicemente utilizzando una bottiglia di plastica . Nello specifico farò tre varianti, che si basano sulla stessa cosa: il substrato prende l’acqua dal fondo della bottiglia quando ne ha bisogno , quindi non ci saranno problemi a esagerare con l’irrigazione se non abbiamo una mano molto buona e non dobbiamo essere consapevoli di annaffiare se tendiamo a dimenticare questo compito. Se non puoi aspettare Guarda il nuovo video Agricoltura per RURbanitas !

La mia esperienza è stata abbastanza buona, sono stati più di una settimana senza alcun tipo di irrigazione e non hanno conservato nulla di male , nonostante siano sedani che hanno bisogno di molta acqua e che le temperature quest’estate siano molto molto alte.

Quindi, se non hai come innaffiare le tue piante in estate, ti consiglio questa opzione ECO: economica ed ecologica . Vi lascio alcune piccole istruzioni su come realizzare i vostri vasi autoirriganti riciclati.

1. Vasi autoirriganti con bottiglie riciclate

È la versione più semplice. Hai solo bisogno di una bottiglia di plastica e un paio di forbici . Quindi, ovviamente, avrai bisogno di substrato e piantine o semi per stabilire la tua coltura nel vaso .

È semplice come tagliare a metà la bottiglia e riempire la parte del tappo con il substrato, dove trapianteremo la piantina o semineremo i semi . Fatto ciò, è necessario riempire l’altra parte della bottiglia d’acqua . Togliere il tappo e montare le due parti in modo che il supporto sia a contatto con l’acqua . Se il substrato non tocca l’acqua non sarà in grado di “autoirrigarsi”, quindi se non arriva, basta aggiungere altra acqua o tagliare la bottiglia , per accorciarla. Puoi farlo anche con il tappo ma devi prima fare un buco dove può passare l’acqua.

2. Pentole autoirriganti con panno di cotone

Per questa variante di pentole autoirriganti, oltre alla bottiglia di plastica, avrete bisogno di una striscia di tessuto , preferibilmente di cotone . In questo caso, prima di iniziare a riempire la parte del flacone con il tappo con il substrato, è necessario praticare un foro nel tappo con un punteruolo o un cacciavite a stella . Una volta forato, devi far passare la striscia di tessuto attraverso il foro, in modo che metà di essa sia da un lato del tappo e l’altra metà dall’altro, e riavvitarla sul beccuccio del flacone.

Conosci già i passaggi successivi: riempire il contenitore del substrato, trapiantare, riempire l’altra parte della bottiglia con acqua e inserire entrambi. In questo caso, non è necessario che l’ugello della bottiglia sia a diretto contatto con l’acqua, poiché il panno di cotone fungerà da «guida» per essa, che sale per capillarità fino al substrato .

Ciò implica che la parte della bottiglia che contiene l’acqua può essere più alta e, quindi, avrà una capacità maggiore rispetto al caso precedente, il che significa una maggiore autonomia di irrigazione.

3. Vasi con irrigazione automatica con corda di sparto

Infine abbiamo la variante della corda di sparto. Questa opzione è sostanzialmente la stessa della precedente, con la differenza che invece del tessuto di cotone usiamo la corda.

Sia in questo tipo di vasi che in quello precedente è importante che la parte di corda o tessuto che rimane annegata nel substrato non rimanga raggrinzita sul fondo, ma anzi si mescoli con la terra verso l’alto, in quanto ciò consente un sostanziale miglioramento per quanto riguarda la distribuzione dell’acqua rispetto alla prima opzione.

Naturalmente, come i vasi della nostra Pianta da giardino , tutti questi ammettono un po’ di fantasia e li decorano a proprio piacimento.

Per oggi è tutto, spero che tu metta in pratica questi suggerimenti su come realizzare pentole autoirriganti fatte in casa e che tu li condivida con l’intera comunità di Ilgiardinocommestibile. Fino alla prossima volta!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *