Suggerimenti

Crisantemi da potatura: [Importanza, tempo, strumenti, considerazioni e passaggi]

I fiori conosciuti come crisantemi fanno parte dei preferiti che esistono per la decorazione di giardini e interni.

Ogni esemplare, composto da più petali di vari colori, simboleggia un dono per gli occhi oltre che per l’olfatto, per il suo gradevole aroma.

I crisantemi hanno la condizione di essere sempreverdi, quindi il loro tasso di crescita è costante e in alcuni casi abbastanza veloce. Mantenere la pianta sana e in perfette condizioni ci regalerà a suo tempo un esemplare carico di fiori e queste cure includono la potatura.

Vuoi sapere come potare correttamente i crisantemi ? Continua a leggere.

Perché potare i crisantemi?

La potatura del crisantemo risponde alla necessità di mantenere la pianta in un adeguato stato di salute. Quando questo viene eseguito, la cosa più normale è rimuovere le parti che sono secche o malate perché hanno un aspetto brutto e possono causare danni maggiori.

Oltre a ciò, la potatura è l’unica strategia che dovrai regolare la crescita della pianta in modo che non occupi più del necessario. Quando si tratta di fioritura, la potatura è uno dei modi più efficaci per ottenere fioriture molto numerose in ogni periodo.

Insieme ad una buona concimazione, vi darà fiori con ottime caratteristiche in ogni ciclo.

Quando è meglio eseguire la potatura dei crisantemi?

I crisantemi vanno potati all’inizio della primavera , programmando il periodo più intenso per questo periodo.

Successivamente verranno effettuate potature molto sottili che dureranno fino all’estate e la cui funzione sarà quella di favorire una maggiore fioritura. Vale a dire che le piante non entrano prematuramente nel recesso vegetativo.

In ogni caso, se i crisantemi sono stabiliti in casa , possono essere potati in qualsiasi momento poiché sono sicuri alle basse temperature.

Quali strumenti dovremmo usare quando potiamo i crisantemi?

Gli strumenti consigliati per la potatura dei crisantemi sono le forbici da potatura . Non è necessario che siano i più grandi perché i loro steli sono sottili.

Questi devono essere ben affilati in modo che i tagli siano molto precisi ed è inoltre fondamentale che vengano passati nell’alcool per disinfettare.

È anche un buon piano usare guanti e occhiali protettivi per aiutarti a prevenire gli incidenti.

Quali considerazioni dobbiamo tenere a mente quando potiamo i crisantemi?

L’ideale è applicare la potatura alle piante che hanno già una struttura del fusto che supera i 15 centimetri di altezza e che sono fiorite. 

È importante tenere conto del clima poiché potature effettuate in presenza di rischi di gelo potrebbero causare danni significativi alla struttura. Per questo motivo si consiglia di effettuare le potature solo all’inizio della primavera e non in autunno .

Come potare i crisantemi senza danneggiare la pianta?

Per avanzare nella potatura dei crisantemi con la certezza che andrà tutto bene, è necessario rispettare i seguenti passaggi:

  1. Rimuovi tutti i fiori, i boccioli, le foglie e gli steli appassiti, secchi o in cattive condizioni . In genere la pianta viene lasciata con un po’ dell’autunno ma è meglio aspettare la primavera per rimuoverli. Devi anche tagliare quei fiori che non hanno una struttura simile a quelle che la pianta dà normalmente.
  2. Taglia i gambi a circa metà della loro altezza per consentire loro di iniziare a svilupparsi in una nuova struttura. Se lo stelo è in cattive condizioni, la cosa migliore da fare è tagliarlo a filo del terreno in modo che possa nascerne uno nuovo, forte e sano.
  3. Gli steli possono anche essere pizzicati per migliorare le condizioni di crescita e fioritura . Questa azione faciliterà un fogliame più spesso e più bello. L’idea è di schiacciare (pizzicare) le punte degli steli con il pollice e l’indice e rimuovere la punta del gambo. Il punto esatto per applicare questa procedura è sotto le foglie immediatamente sulla punta.

Si consiglia una potatura delicata in tarda primavera per regolare le dimensioni degli steli e garantire che tutti i fiori siano in ottime condizioni. In caso di focolai, questi dovrebbero essere controllati settimanalmente per eliminare quelli che sembrano malati, poiché è da qui che provengono le malformazioni.

Poiché la potatura a fine giornata è un drenaggio di energia sui crisantemi, puoi aiutare con il problema del recupero con i fertilizzanti . Questi riempiranno la pianta di sostanze nutritive che distribuirà nelle parti rimanenti e quindi le ferite guariranno più facilmente.

Inoltre, la crescita continuerà a un ritmo migliore e presto avrai una fioritura di eccellente qualità. Ricorda che per mantenere queste condizioni fino all’autunno è fondamentale continuare con potature delicate per stimolare la fioritura.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.