Suggerimenti

Cos’è la monocultura

La monocoltura è una pratica diffusa nelle aziende agricole di determinate colture. In un momento in cui la domanda di cibo a basso costo è in aumento, è logico pensare che un sistema di piantagioni che consenta di ottenere grandi quantità di cibo a basso costo sia l’opzione ideale, ma la realtà è che è ben lungi dall’essere una best practice se la apprezziamo da una prospettiva generale.

Se vuoi saperne di più su cos’è la monocultura, i suoi vantaggi e svantaggi e le sue conseguenze, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde.

Cos’è la monocultura – definizione

La monocultura è abbastanza facile da definire: si tratta di grandi aziende o piantagioni che lavorano solo con la coltivazione di una singola specie, utilizzando le stesse tecniche e metodi su larga scala.

È un sistema di coltivazione che richiede poca manodopera, anche se, in compenso, richiede mezzi tecnologici più avanzati. La monocoltura è molto vantaggiosa per i produttori nel breve e medio termine, poiché consente loro di ottenere grandi benefici e produzioni dalla terra, con metodi di controllo relativamente semplici da mantenere. Tuttavia, la monocoltura è molto pericolosa a lungo termine, ed è ormai risaputo che è una pratica molto problematica dal punto di vista ecologico, poiché degrada il suolo e può creare parassiti molto resistenti e difficili da combattere.

L’alternativa alla monocultura è, come è evidente, la multicultura. Combinando diverse colture che si completano a vicenda, contemporaneamente o attraverso la rotazione delle colture, il suolo non esaurisce i suoi nutrienti né perde la sua microfauna, quindi il suolo mantiene la sua qualità e diversità biologica.

Per incoraggiare questo tipo di pratica, l’Unione Europea istituisce il Greening, un sussidio che viene concesso ogni anno agli agricoltori che lavorano utilizzando tecniche ecologiche e rispettose del pianeta, tra cui la pratica della multicoltura è una delle principali.

Ti consigliamo di scoprire cos’è la rotazione delle colture, i suoi tipi e vantaggi con questo altro articolo di EcologíaVerde.

Monocultura: vantaggi e svantaggi

Successivamente, esponiamo i principali vantaggi e svantaggi della monocoltura:

Vantaggi delle monocolture

  • Il principale vantaggio della monocoltura è che fornisce quantità di produzione molto elevate, consentendo così di soddisfare le richieste del mercato per i prodotti agricoli più elementari, come i principali alimenti. Mais, soia, cotone o pino sono alcuni esempi di monocolture oggi molto diffuse proprio per questo motivo.
  • Un altro grande vantaggio è la ridotta manodopera necessaria per gestire un’azienda di questo tipo, nella quale sono necessarie pochissime persone in relazione all’estensione dell’azienda.
  • Consentendo la produzione di grandi quantità di prodotto, ciò consente anche al suo prezzo di mercato di scendere, rendendo i prodotti essenziali più convenienti.

Svantaggi della monocoltura

La monocultura è molto pericolosa ed è una pratica che incide negativamente sull’ambiente, in quanto ha effetti come i seguenti:

  • Il suo principale svantaggio è l’esaurimento e il degrado del suolo, perché la ripetuta coltivazione della stessa specie finisce per esaurire completamente i nutrienti da essa richiesti. Questo finisce per causare anche un’erosione a lungo termine e il terreno inizia a richiedere l’aggiunta periodica di fertilizzanti. In questo altro post parliamo di Cos’è il degrado del suolo.
  • Un altro importante svantaggio è che, trattandosi di vaste aree con una sola specie, parassiti e malattie possono diffondersi rapidamente e causare grandi perdite. Inoltre, l’uso ripetuto degli stessi prodotti chimici per combatterli può portare alla creazione di parassiti o malattie resistenti, il che rende ancora maggiore la dipendenza dai prodotti chimici. Ciò può portare al prodotto alimentare finale con alte concentrazioni di sostanze chimiche indesiderate.
  • La monocoltura distrugge anche la diversità biologica dell’area, portando alla scomparsa di molti microrganismi dal suolo, molto importanti per proteggere le colture da determinate minacce. Conosci qui le Cause e le gravi conseguenze della perdita di biodiversità.

Conseguenze della monocultura

Le conseguenze della monocoltura sono, quindi, benefiche per il produttore nel breve e medio termine, ma molto dannose per tutti nel lungo termine. Il deprezzamento del prodotto va incontro all’erosione e al degrado di un terreno che poi non sarà utilizzato per coltivare nulla, oltre alla minaccia di parassiti e malattie resistenti ai prodotti più utilizzati, e che richiederà l’uso di ancora più prodotti chimici per essere combattuto.

Per tutto questo è importante sensibilizzare e aiutare i produttori a lavorare con metodi sostenibili in grado di fornire prodotti agricoli a lungo termine, soprattutto ora che la domanda di alimenti di base è in aumento a causa della crescita della popolazione mondiale.

Se desideri leggere altri articoli simili a Cos’è la monocultura, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.