Funghi

Amanita excelsa

Caratteristiche macroscopiche

Caratteristiche:

Cappello fino a 15 cm di diametro, emerge dalla volva, semisferica, poi convessa e infine appiattita. Quando lo troviamo sotto i planifoli è chiaramente grigio, più ocra quando è sotto le conifere, coprendo la cuticola con tutti i resti della volva, poiché non rimane nulla sul piede, questi resti sono di un bianco grigiastro. La sua cuticola è staccabile e non striata.

Lenzuola bianche, libere dal piede, larghe e arrotondate al bordo del cappello.

Piede centrale e cilindrico, proporzionale alla dimensione del cappello, ricoperto da scaglie grigio-marrone, addensate alla base in una sorta di bulbo. La sua volva è appena percettibile sopra il bulbo napiforme. È ornata da un anello ampio e persistente, bianco e scanalato.

Carne spessa e compatta, soda soprattutto nel cappello, dal sapore delicato e dall’odore di patata o di ravanello.

Habitat:

Di solito si trova sia nelle foreste di conifere che in quelle di latifoglie. Il suo periodo di apparizione è l’estate e l’autunno. È una specie comune che di solito germoglia in gruppi.

Commenti:

È una specie commestibile anche se di entità culinaria molto bassa. La confusione più pericolosa di questa specie è con l’Amanita pantherina, una specie molto tossica che non ha un bulbo napiforme e non odora di patata, ma ha anche la tesa del cappello a coste. Anche Amanita rubescens è molto simile, anche se differiscono per la marcata tendenza al rossore che quest’ultimo ha.

Ulteriori informazioni:

  • Nome comune:
    Oronja de pie grueso, lanperna ilun, cua de cavall grossa.
  • Sinonimo:
    Amanita excelsa var. spissa (Fr.) Neville & Poumarat

Tassonomia:

  • Divisione:
    Basidiomycota
  • Suddivisione:
    Basidiomicotina
  • Classe:
    Omobasidiomiceti
  • Sottoclasse:
    Agaricomycetidae
  • Ordine:
    Agaricales
  • La famiglia:
    Amanitaceae

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.