Funghi

Coprinopsis lotinae

Caratteristiche macroscopiche

Caratteristiche:

Cappello che alla nascita ha una forma ovoidale, ma presto acquista una forma campanaria e poi conica, senza aprirsi o appiattirsi. È abbastanza piccolo, non più di 2 cm di altezza per 1 o 1,5 cm di larghezza nella zona inferiore al massimo, bianco per gran parte del suo sviluppo, tendente a maturità al grigio chiaro. Cuticola che negli esemplari più giovani è coperta nella sua totalità da una sorta di velo colorato che tende a scomparire con la maturità e la pioggia. Margine striato che copre quasi tutta la superficie tranne il disco centrale.

I fogli sono dnati e non troppo stretti, a causa della morfologia del cappello, all’inizio bianchi, ma grigi subito dopo. A volte gli esemplari possono seccarsi e rimanere grigi o diventare nerastri. Bordo laminare che rimane bianco più a lungo del resto e un po’ merlato.

Il piede è notevolmente allungato rispetto al cappello, può superare i 5 cm di lunghezza, bianco come il cappello e ugualmente ricoperto da resti di velo flocky che tendono a scomparire nel tempo, cilindrico ma raramente diritto, ha una spiccata tendenza ad essere sinuoso, con la base leggermente ispessita.

Carne praticamente inesistente, per sottolineare che è difficilmente deliquescente, contrariamente al solito nel suo genere, non ha un odore o un sapore apprezzabile degno di nota.

Habitat:

Si tratta di una specie saprofita che non ha uno specifico habitat preferito. La prima raccolta di questa specie è stata fatta su frutti di Eucalyptus globulus, ma esistono altre raccolte successive in diversi habitat, su humus, foglie, nel nostro caso su foglie miste di Quercus e Salix sp.

Commenti:

Specie caratterizzata dal suo aspetto che si avvicina alle specie del genere Psathyrella, dal colore bianco predominante in tutto il basilico, dalla pratica assenza di deliquescenza, e dal velo flocky che ricopre i giovani esemplari. La sua etimologia è una dedica al famoso maestro di micologia Roberto Lotina Benguria, al quale l’autore, Rafael Picón, ha voluto rendere omaggio. Nel capitolo sulle somiglianze evidenzieremo la Coprinopsis nivea per il suo colore e il suo rivestimento, anche se è più coprofila, o la Coprinopsis marcescibilis nella sua varietà virginea, che è molto simile ma con differenze microscopiche.

Ulteriori informazioni:

  • Nome comune:
    Nessuna.
  • Sinonimo:
    Nessuna.

Tassonomia:

  • Divisione:
    Basidiomycota
  • Suddivisione:
    Basidiomicotina
  • Classe:
    Omobasidiomiceti
  • Sottoclasse:
    Agaricomycetidae
  • Ordine:
    Agaricales
  • La famiglia:
    Psathyrellaceae

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.