Funghi

Caloboletus calopus

Caratteristiche macroscopiche

Caratteristiche:

Cappello fino a 15 cm, da semisferico a convesso e con un margine leggermente superiore. Solido e carnoso, di colore chiaro con una varietà di toni, quasi bianco da giovane e con una cuticola vellutata, tende ad avere tonalità grigie o olivastre e la cuticola diventa opaca.

Tubi giallo pallido, poi oliva, sottili e piuttosto stretti, arrotondati al piede, che al taglio si colorano di blu.

I pori gialli, più colorati dei tubi, sono blu al tatto.

Solido, cilindrico e generalmente ispessito verso la base, che di solito mantiene una banda gialla brillante accanto ai pori, il resto coperto da una rete rossa brillante, più aperta in alto, chiusa verso la base, che è completamente rossa.

Carne compatta e solida, soprattutto nel cappello, di colore bianco giallastro e debolmente piastrellata al taglio. Il suo odore non è molto significativo e il suo sapore è marcatamente amaro.

Habitat:

Sebbene la bibliografia la indichi come una specie che esce anche in conifere, l’abbiamo sempre portata sotto platani, querce e faggi. Specie precoce, può apparire da agosto.

Commenti:

Questa specie non è commestibile a causa del sapore amarognolo della sua carne. Può assomigliare in qualche modo a Suillellus satana, che però ha i pori rossi, non gialli. Assomiglia anche al Caloboletus radicans, che non si pronuncia.

Ulteriori informazioni:

  • Nome comune:
    Nessuna.
  • Sinonimo:
    Boleto calopus Pers.

Tassonomia:

  • Divisione:
    Basidiomycota
  • Suddivisione:
    Basidiomicotina
  • Classe:
    Omobasidiomiceti
  • Sottoclasse:
    Agaricomycetidae
  • Ordine:
    Newsletter
  • La famiglia:
    Boletaceae

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.