Funghi

Xilaria ipossylon

Caratteristiche macroscopiche

Caratteristiche:

Carpoforo che durante l’autunno si trova solitamente nella sua forma conidiogena, detta anche anamorfica, formata da una specie di filamento nero alto da 2 a 5 cm, biforcata nella parte superiore o apice in una specie di corna bianche grigiastre. Infatti la parte biancastra sono le conidia stesse che danno al carpoforo un aspetto polveroso. Quello che succede è che in primavera troviamo questa spezia nella sua forma principale, teleomorfa o ascetica, in cui appare come uno stroma nero, addensato e pustoloso.

Imenio inserito nella superficie esterna dell’ascoma, nero nella forma principale, pustoloso dal peritelio che ospita le spore, biancastro nella forma imperfetta.

Un piede che non esiste in quanto tale, l’ascoma si restringe verso la base ma non si può parlare di piede.

Carne non molto notevole, senza odore o sapore particolarmente evidente.

Habitat:

Appare esclusivamente in primavera nella sua forma principale, mentre quella conidiogena lo fa tutto l’anno, sempre sul legno di vari alberi di planifolia, più rari sotto le conifere.

Commenti:

Questa specie è altrimenti rara nelle nostre foreste. Nella sua forma principale potrebbe essere confuso con la Xylaria carpophila, generalmente legata ai faggi e più snella, o con la Xylaria filiformis, ancora più piccola.

Ulteriori informazioni:

  • Nome comune:
    Xilaria del legno.
  • Sinonimo:
    Xylosphaera ipossylon (L.) Dumort.

Tassonomia:

  • Divisione:
    Ascomycota
  • Suddivisione:
    Ascomicotina
  • Classe:
    Himenoascomiceti
  • Sottoclasse:
    Pyrenomycetidae
  • Ordine:
    Sphaeriales
  • La famiglia:
    Sphaeriaceae

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.