Funghi

Gomphidius maculatus

Caratteristiche macroscopiche

Caratteristiche:

Cappello il cui diametro medio è di circa 5 cm, occasionalmente alcuni esemplari possono avvicinarsi a 10 mentre altri raggiungono appena i 3 cm. Inizialmente di forma convessa con un centro un po’ gobbo ma non mamelonizzato, si appiattisce nel tempo, con la zona centrale che diventa anche un po’ depressa. La sua superficie è viscosa in caso di pioggia ma non glutinosa, essendo un po’ satinata e asciutta senza pioggia. Ha un colore biancastro con sfumature grigiastre negli individui giovani, macchiando di nero o di rosa brunastro con la manipolazione, alla fine del ciclo vitale il colore nerastro prevale scomparendo il bianco iniziale. Margine di profitto implicito negli esemplari giovani.

Fogli spessi, relativamente distanziati e decorrenti, inizialmente di colore biancastro, che macchiano le aree danneggiate con un colore da rosa a rossastro. Hanno una marcata tendenza ad annerirsi, diventando praticamente neri negli esemplari più maturi.

Dimensione del piede proporzionata al cappello, sottile e un po’ attenuato alla base, pieno. Ha un colore bianco, soprattutto nel terzo superiore, poiché il resto è coperto di scaglie brune che anneriscono, diventando con il tempo di un colore marrone sporco. Non è viscoso e la base è chiaramente gialla.

La carne è piuttosto spessa, consistente, di colore biancastro, un po’ rosata sotto la cuticola negli esemplari maturi e alla base del piede da gialla diventa vinosa. Non ha un odore evidente e il suo sapore è dolce e delicato.

Habitat:

Si tratta di un fungo che forma micorrize esclusivamente con i larici (Larix sp). In genere dà i suoi frutti in piccoli gruppi, alla fine dell’estate e soprattutto in autunno. Di solito lo vediamo ogni anno nelle piantagioni di Larix kaempferi (larice giapponese) ad un’altitudine compresa tra i 600 e gli 800 metri sul livello del mare, in questo habitat esclusivo è un fungo abbastanza comune.

Commenti:

La specie che vi presentiamo si caratterizza per le sue medie dimensioni, il suo habitat esclusivo sotto i larici e la spiccata tendenza ad arrossare e annerirsi. Gomphidius glutinosus è più grande, non ha la tendenza ad annerirsi, il suo piede è mucillaginoso, e la sua base è più chiaramente gialla rispetto alla specie che descriviamo in questo file. Gomphidius gracilis è trattato da alcuni autori come una specie indipendente a causa delle sue immutabili lamine, crediamo che sia una varietà della stessa specie.

Ulteriori informazioni:

  • Nome comune:
    Avvistato gonfidio, alertze-lerdeki.
  • Sinonimo:
    Gomphidius gracilis Berk.

Tassonomia:

  • Divisione:
    Basidiomycota
  • Suddivisione:
    Basidiomicotina
  • Classe:
    Omobasidiomiceti
  • Sottoclasse:
    Agaricomycetidae
  • Ordine:
    Newsletter
  • La famiglia:
    Gomphidiaceae

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.