Funghi

Xylaria longipes

Caratteristiche macroscopiche

Caratteristiche:

Carpoforo formato da steli neri allungati e chiaramente definiti. La sua altezza può facilmente superare i 5 cm, essendo più larga nella zona fertile superiore, che è solitamente a forma di chiodo, anche se a volte più irregolare. La superficie esterna passa da granulosa a rugosa e screpolata con la maturazione, lasciando intravedere la carne interna il cui colore è in netto contrasto.

Imenio situato sulla superficie esterna della zona superiore dell’ascocarpo, inizialmente granulare a causa del peritelio, mai liscio, con tendenza a screpolarsi. Produce ascospore ellissoidali di colore marrone oliva.

Piede allungato in generale, un fatto significativo che dà il nome alla specie. È sterile ed è perfettamente delimitata dalla zona fertile superiore. Ha un colore molto scuro, simile al resto del carpoforo, essendo la base molto nera e marcatamente tomentosa.

Carne di colore biancastro che contrasta completamente con la superficie esterna nerastra. Manca di un odore apprezzabile e nemmeno il suo sapore è significativo.

Habitat:

È una specie caratterizzata da un habitat preferenziale su legno d’acero, eminentemente ligneo. Sono stati trovati nel mese di febbraio, anche se possono apparire nella loro forma principale a partire dall’autunno, essendo più abituale durante la primavera la loro forma conidiale, imperfetta o anamorfica, quella dei tre modi in cui è solitamente denominata. Gli esemplari raccolti sono stati trovati in una foresta mista con diverse specie arboree, principalmente ontani, ma anche qualche acero. È molto meno frequente di altri congeneri.

Commenti:

Questo Xylaria è caratterizzato dalla presenza di un piede ben definito e dalla tendenza della sua superficie esterna a raggrinzirsi o a screpolarsi. In primavera emerge una forma conidiale che appare senza il piede così ben definito e progressivamente attenuata verso l’apice, come un corno di toro, coperto di conidia che gli conferisce un colore grigiastro. Il polimorfo Xylaria, quando adotta forme multiple, può anche apparire snello e confondersi con questo, ma manca di un piede ben delimitato e la sua superficie non si raggrinzisce mai. La forma principale dell’ipossylon Xylaria si distingue per il fatto che ha ostriche che sporgono in modo significativo dalla superficie.

Ulteriori informazioni:

  • Nome comune:
    Nessuna.
  • Sinonimo:
    Xylosphaera longipes (Nitschke) Dennis

Tassonomia:

  • Divisione:
    Ascomycota
  • Suddivisione:
    Ascomicotina
  • Classe:
    Himenoascomiceti
  • Sottoclasse:
    Pyrenomycetidae
  • Ordine:
    Sphaeriales
  • La famiglia:
    Sphaeriaceae

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.