Suggerimenti

9 passi per decidere cosa piantare nel vostro giardino

Vi state preparando a piantare il vostro giardino quest’anno? È il vostro primo anno di giardinaggio o un nuovo posto e non sapete cosa piantare nel vostro giardino?

Ci sono alcuni consigli di base che potete seguire per aiutarvi a scegliere le migliori opzioni per il vostro giardino. Quando si entra in un vivaio o in un centro di giardinaggio locale, è facile vedere tutte quelle piante e sentirsi immediatamente sopraffatti.

Ma non fatelo! Invece, ripassate queste poche domande di base e sarete sulla strada giusta per coltivare un giardino bello e soddisfacente in questa stagione.

>


Decidere cosa va nel tuo giardino

Ecco cosa dovreste chiedervi quando scegliete cosa piantare nel vostro giardino:


1. Cosa mi piace?

Allineare”>>

via pennington.com

Il primo passo per scegliere cosa mettere nel vostro giardino è fare una lista della frutta, verdura ed erbe aromatiche che vi piace. Pensate a cosa comprate al supermercato, o a cosa mangiate di solito come parte di un pasto o di uno spuntino.

Allora scrivi queste cose. Restringerete questa lista man mano che vi ponete le domande, quindi ricordatevi di scrivere tutto ciò che vi piace mangiare o consumare regolarmente.

Leggi questi articoli per aiutare a restringere la lista:

  • 8 ortaggi più facili da coltivare anche se non si sa nulla di giardinaggio
  • I 10 migliori ortaggi e frutta da coltivare se non si dispone di un grande orto
  • 24 Nuovi ortaggi che si possono facilmente coltivare in casa


In quale zona mi trovo?

Se siete nuovi al giardinaggio, potreste non sapere in quale “zona” vi trovate. È possibile risolvere questo problema facendo una semplice ricerca su Internet.

Basta cercare una mappa della zona. In generale, le zone 9 e 10 sono i climi più caldi, le zone 7 e 8 sono abbastanza calde e hanno inverni miti, e le zone 6 e oltre sono le più fredde.

A seconda di dove ti trovi, devi restringere la lista perché non puoi coltivare tutto quello che ti piace in tutti i posti (o almeno non per lunghi periodi di tempo)

Conoscere la propria regione è essenziale per decidere cosa includere nel proprio giardino.


3. Cosa mi piacerà di più?

Poi dovrai pensare a cosa preferiresti se lo coltivassi tu stesso. Per esempio, ci sono piante che producono una sola volta, come le cipolle.

Con le cipolle, il bulbo viene piantato, lasciato nel terreno, e quando matura, viene fatto.

Poi ci sono altre piante che continueranno a dare e dare fino alla fine della stagione di crescita, come i fagiolini. Raccoglierete i fagiolini più volte per pianta mentre continuano a produrre.

Se volete fare lo sforzo di coltivare il vostro cibo, allora sicuramente volete scegliere varietà alimentari che vi daranno il più possibile da una singola piantagione.


4. Cosa è già cresciuto intorno a me?

Una volta che avete pensato a cosa volete coltivare, cosa potete coltivare nella vostra zona e cosa vi darà i migliori risultati se lo coltivate, allora dovete considerare ciò che è già coltivato localmente.

Se si può camminare per strada fino al mercato di un contadino locale e comprare qualche prodotto a prezzi ragionevoli che abbia lo stesso sapore di quello che si può coltivare, allora perché replicare tutto questo nel proprio giardino?

Cercate invece di coltivare articoli che non potete acquistare localmente o a un prezzo ragionevole. Vale quindi la pena di investire tempo ed energie per farla crescere da soli.

Ma diciamo che si può acquistare lattuga coltivata localmente a 0,99 centesimi per ogni cespo di lattuga, quindi probabilmente non vi sentirete così appagati quando crescerete il vostro cespo di lattuga, perché non avrete davvero risparmiato.

Tuttavia, se amate i pomodori e non potete comprare un pomodoro coltivato localmente per meno di 2 euro a libbra, allora molto probabilmente vi accontenterete di piantare qualche pianta di pomodoro.

Quindi ottenere diversi pomodori da queste piante e sapere che hanno un sapore meraviglioso e che hai speso una tonnellata in meno dovrebbe sembrare più gratificante.


5. Che tipo di giardino sto coltivando?

Allineare”>>

attraverso countryliving.com

Pensare al tipo di giardino che state coltivando vi aiuterà a restringere le vostre opzioni per ciò che create in quel giardino.

Tanto per cominciare, se non lo sapete, ci sono molte opzioni diverse per coltivare un giardino. Se si vive in un appartamento con balcone o in una casa che non ha praticamente nessun giardino, un giardino container sarebbe una buona opzione.

Tuttavia, è possibile coltivare anche un giardino verticale, e un muro da giardino consente di risparmiare ancora più spazio. La coltivazione sta diventando molto popolare perché consente di risparmiare molto spazio.

Ma se si dispone di un piccolo giardino, si può sempre scegliere di allevare un giardino in una aiuola. Questo rende il giardinaggio meno faticoso e mantiene l’ordine anche nel vostro giardino.

Infine, si può anche coltivare un giardino tradizionale. Potrebbe essere un giardino tradizionale più piccolo, per risparmiare spazio. Potete anche optare per un giardino più grande se avete lo spazio e il tempo da dedicare ad esso.

Tuttavia, dirò questo: se questo è il vostro primo anno di giardinaggio, scegliete un giardino più piccolo. Mordere un grande giardino è un compito difficile quando si sta ancora imparando a fare giardinaggio.


6. Dov’è il mio giardino?

Allineare”>>

attraverso theseedmaster.blogspot.com

Questo è un altro problema che dovrebbe ridurre anche ciò che entra nel vostro giardino. Il vostro giardino sarà situato in un luogo soleggiato?

Se avete questa opportunità, vi consiglio vivamente di andarci. Il motivo è che la maggior parte delle piante vuole da sei a otto ore di pieno sole al giorno o più.

Ma se non si ha questo, bisogna accontentarsi di quello che si ha. Il nostro primo giardino aveva solo una parte di luce solare. Ciò significava che dovevamo essere selettivi nella scelta delle piante da coltivare.

Date una bella occhiata al vostro giardino. Fate una stima approssimativa di quanta luce solare si può ottenere in un giorno.

Poi, controllate le piante che volete coltivare sulla vostra lista e vedete quali si adattano al vostro spazio in giardino a seconda delle esigenze di luce solare.


7) Devo essere lì a godermi tutto ciò che cresce?

E’ una domanda difficile, ma quanto tempo deve dedicare al suo giardino? Non le faccio questa domanda per scoraggiarla dal coltivare un giardino.

Ma vi chiedo di essere realistici. Se lavorate fino a tardi tutta la settimana, probabilmente non sarete nel vostro cortile dopo il lavoro. Sarebbe più realistico pensare che il vostro giardino riceverà la maggior parte della sua attenzione da voi nel fine settimana.

Se questo è il caso, allora avete bisogno di piante che non producono abbastanza velocemente da perdere il raccolto. Un esempio sarebbe il pomodoro contro la zucca.

Se un pomodoro diventa rosso a metà della settimana, sarà comunque delizioso se non viene raccolto prima del sabato mattina (nella maggior parte dei casi)

Ma se avete una zucca pronta per essere ritirata martedì, e non la ritirate fino a sabato, sarà enorme e piuttosto sordida.

Tenetelo a mente prima di andare in città piantando molte piante diverse nel vostro giardino perché volete un raccolto che possiate godere. Questo non è un raccolto che si finisce per fare il compostaggio o per dare da mangiare ai polli.


8. Perché sto coltivando questo giardino?

Allora dovete chiedervi perché state coltivando questo giardino in primo luogo. Anche in questo caso, non è per scoraggiarvi dal coltivare un giardino.

Si tratta piuttosto di rendersi realistici su ciò di cui si ha bisogno per realizzare il proprio potenziale. Se state coltivando il vostro giardino perché volete verdure fresche per tutta l’estate, allora vorrete piantare una vegetazione che produca più e più volte.

Per esempio, si possono piantare pomodori, cetrioli, zucche, bacche, fagiolini e persino meloni.

Ma cosa succede se si pianta un giardino per conservare e sfamare la famiglia tutto l’anno? Poi si vorrà piantare in modo diverso. Ecco perché sto coltivando un giardino e ci sono alcune cose che pianterò e altre che non pianterò.

Ad esempio, piantiamo sempre fagiolini ogni anno perché producono grandi quantità senza piantare una quantità enorme di piante.

Tuttavia, non pianto meloni (o una sola pianta) perché sono difficili da conservare e non servono molto bene alla nostra famiglia.

Ricordate anche se il vostro obiettivo è quello di piantare un asilo. Ogni anno pianturo un giardino separato con il mio bambino più piccolo. Lo chiama il suo “giardino della pizza”.

Qui coltiviamo pomodori, peperoni e basilico, che sono ingredienti solidi nella maggior parte delle pizze. Mangia queste verdure perché le ha coltivate lui.

Questo significa che se state piantando un orto nella speranza che il vostro bambino mangi le sue verdure, dovreste tenerne conto anche voi al momento di decidere cosa riempirà il vostro orto.


9. Ho avuto un’esperienza con qualche elemento della mia lista?

Questa è una buona domanda finale. Ora che avete ristretto la vostra lista alle cose che cresceranno nella vostra zona, nel vostro giardino, nel vostro programma, che vi piacerà mangiare e che funzioneranno anche per il vostro giardino, la vostra lista avrebbe dovuto essere molto più breve.

Ma ora dovete guardare la lista (e se avete qualche esperienza di coltivazione precedente) e vedere se ci sono piante in quella lista con cui avete avuto un’esperienza di coltivazione positiva o negativa.

Quindi, se avete piante che hanno fatto particolarmente bene in coltivazione, assicuratevi che siano nel vostro giardino.

Tuttavia, se avete una certa pianta che avete cercato di coltivare e non avete avuto una buona esperienza, allora dovete prendere una decisione consapevole. Dovete decidere se volete continuare l’indagine e riprovare o se volete tagliare l’impianto dalla lista.

Per me, una pianta che ho intenzione di coltivare ogni anno solo perché sono bravo a farlo è il fagiolo verde. Sono facili da coltivare e mi piace mangiarli.

Ma una pianta che non crescerà (normalmente) è il cavolo. Mi ci è voluta un’eternità per imparare a coltivare i cavoli. Alla fine sono riuscito a farla crescere perché ho imparato a battere gli insetti.

Poi sono arrivato al punto in cui ho mangiato così tanti cavoli che ne ho mangiati a sufficienza, quindi, a meno che non sia di umore generoso il giorno della semina, non coltivo cavoli.

Avete piante come questa? Se è così, lasciate che si rifletta nella vostra lista di giardinaggio.

Ora avete nove solidi consigli su cosa chiedervi quando deciderete cosa piantare nel vostro giardino quest’anno.

Ora che sapete cosa piantare, potreste chiedervi quanto piantare. Per rispondere a questa domanda, utilizzare il calcolatore delle dimensioni dell’orto.

>

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *