Suggerimenti

Jasminum polyanthum: come coltivare il gelsomino bianco [Guida e cura]

Il gelsomino bianco (J asminum polyanthum) è una delle specie rampicanti più conosciute nel mondo occidentale. Tuttavia, le sue origini sono asiatiche, quindi è anche conosciuto come gelsomino cinese.

La sua coltivazione si adatta perfettamente alle condizioni europee e al clima americano, per questo è comune vederla sui recinti dei giardini, crescere come se fosse una vite o addirittura coltivata in vaso, come vedremo più avanti.

In questo articolo vogliamo parlarvi delle caratteristiche principali di questa specie, nonché delle sue principali cure se avete deciso di averne una nel vostro giardino o terrazzo. Tieni presente che è una coltura facile e a crescita rapida, con una grande facilità di propagazione da qualsiasi stelo. Pertanto, la sua cura è abbastanza semplice.

Nota: non confondere questa specie con il gelsomino tradizionale ( Jasminum officinale). La cura è praticamente simile, ma sono specie diverse.

Principali caratteristiche del gelsomino bianco (J asminum polyanthum)

La specie J asminum polyanthum ha diversi nomi, sebbene sia comunemente conosciuta principalmente con tre:

  • gelsomino bianco
  • gelsomino rosa
  • gelsomino cinese

Molte delle specie che compongono la famiglia delle Oleaceae sono di tipo arbustivo, dove sono compresi anche alcuni rampicanti. Il massimo rappresentante di questa famiglia è, senza dubbio, l’oliveto, di cui qui si possono vedere le principali attività.

Classificazione botanica ( Jasminum polyanthum)

  • Ordine: Lamiales
  • Famiglia:  oleacee
  • Genere:  Gelsomino
  • Specie:  Jasminum polyanthum

All’interno del genere Jasminum  troviamo 200 specie arbustive e rampicanti, la maggior parte con sviluppo e crescita molto simili, come Jasminum fruticans, Trachelospermum jasminoides  (helix jasmine) o altre. [ Vedi elenco delle specie]

Una delle cose più caratteristiche del gelsomino cinese è il meraviglioso profumo dei suoi fiori. Aperti sono di brevissima durata, durano 24 ore, ma un alpinista adulto ne produce una grande quantità nei mesi estivi.

Il suo aroma è inebriante e il suo profumo è molto apprezzato nell’industria cosmetica e profumeria.

cura principale

Come abbiamo accennato in precedenza, il Jasminum polyanthum  è una specie rustica che si adatta facilmente a qualsiasi tipo di ambiente. La sua cura è molto semplice. Infatti e per avere un’idea, in alcuni paesi, come la Nuova Zelanda, è considerata una specie invasiva, per la sua grande capacità di sviluppare nuovi fusti e il suo portamento di crescita.

Climatologia

Si adatta bene a un’ampia gamma di temperature. La sua fioritura avviene in primavera, estate, soprattutto nei mesi caldi, quindi non c’è rischio di gelate. A seconda del freddo, può comportarsi come specie decidua o perenne (nelle zone calde).

Necessita di esposizione al sole, anche se le specie giovani possono essere collocate in una zona semiombreggiata.

Può svilupparsi in ambienti asciutti con bassa umidità relativa, purché ci prendiamo cura delle condizioni di irrigazione nel substrato o nel terreno.

caratteristiche del suolo

Si adatta perfettamente a qualsiasi tipo e tessitura di terreno, sia sabbioso che argilloso (o intermedio: limoso o limo). Se effettuiamo il trapianto per la prima volta, è consigliabile aggiungere sostanza organica nella buca di impianto e rinnovare il letame o il compost ogni anno (o almeno ogni 2 anni), incorporandolo attorno allo stelo.

Assicureremo un buon drenaggio, quindi terreni molto argillosi devono essere trattati con un fondo di sabbia o terriccio limoso in parti uguali.

Il pH del terreno ideale è 6,0-7,5, anche se cresce perfettamente in terreni alcalini fino a 8,5

Irrigazione Jasminum polyanthum

Mantenere un’irrigazione costante è una delle chiavi in ​​​​primavera per raggiungere la piena fioritura fino a metà estate.

In inverno, limiteremo l’irrigazione a 1 settimana, anche se dipenderà dalle precipitazioni. In generale, per superare l’inverno sono sufficienti da 2 a 4 L/pianta adulta per settimana.

In estate, effettuare da 3 a 4 irrigazioni da 3 a 4 L/pianta adulta e irrigare. In giardino, con l’installazione di 1 gocciolatore da 4 L/h è sufficiente per soddisfare tutta la richiesta d’acqua del gelsomino bianco.

Da qui controlliamo come si sviluppa la pianta, modificando le condizioni se compaiono i seguenti sintomi:

  • Foglie gialle, aspetto morbido e «tristezza»: acqua in eccesso. Lasciare asciugare il supporto o il terreno e applicare acqua al 50% della dose precedente.
  • Foglie con punte secche, colore paglierino e aspetto «croccante»: mancanza d’acqua. Applicare due volte l’acqua corrente fino alla formazione di nuovi steli e germogli.

Abbonato

Jasminum polyanthum trascorre e sverna praticamente senza crescita e consumando risorse minime, quindi non è necessario aggiungere alcun fertilizzante. Infatti le temperature del suolo nelle zone fredde rendono indisponibili i nutrienti e il gelsomino cinese perde le foglie fino alla primavera successiva.

Il gelsomino bianco viene concimato in primavera, 15 giorni prima dell’inizio della fioritura (lo noteremo quando si svilupperanno i primi germogli). Si consiglia un NPK con un rapporto 2-1-3 poiché oltre alla fioritura, produce anche molte nuove foglie e viticci.

In primavera e in estate la sua crescita è vertiginosa. Può allungare i suoi steli di centimetri nel giro di pochi giorni. Concimi liquidi o solidi? È esattamente lo stesso, anche se dipenderà dal comfort dell’applicazione.

All’interno di quanto abbiamo discusso, consigliamo i seguenti fertilizzanti:

Il rapporto NPK del fertilizzante granulato è 12-8-16, con magnesio, zolfo e micronutrienti, quindi è considerato un fertilizzante molto equilibrato per il gelsomino.

La dose di applicazione sarà la seguente:

  • Inizio del germogliamento: 60-80 g/pianta
  • Inizio fioritura: 60-80 g/pianta
  • Settembre: 60-80 g/pianta

Applicare intorno al tronco, ma evitando il contatto diretto con gli steli.

Moltiplicazione

La moltiplicazione del gelsomino cinese Jasminum polyanthum  è abbastanza semplice, seguendo i passaggi seguenti.

Il modo più veloce è ottenere talee da steli semilegnosi. Cioè, steli di poco meno di 1 cm di diametro, di colore marrone, ma non eccessivamente lignificati.

Selezioniamo questi steli sani e ben sviluppati, tagliandoli con una lunghezza di circa 10 cm. Lasciamo tra 1 o 2 foglie in alto, che serviranno da guida per vedere l’evoluzione del taglio.

Questa tecnica viene eseguita tra la primavera e l’estate. Li seminiamo in un substrato di humus e fibra di cocco, e manteniamo costante l’umidità e la temperatura. Metteremo le nostre talee in un luogo semiombreggiato, al riparo dalla luce diretta del sole e a temperatura costante (all’interno della casa è buona norma se la temperatura scende molto di notte).

Il taglio richiede diverse settimane per formare le prime radici, quindi devi essere paziente e vedere se si formano nuove gemme sullo stelo, segno che ha radicato perfettamente.

Potatura

Il gelsomino è una pianta dalla crescita vigorosa, con grande produzione di steli e viticci, diventando una vera pianta della giungla. Per questo motivo si consiglia di potare in inverno, ma al riparo dal gelo, potando generosamente i fusti.

Non abbiamo bisogno di spiegarti molto in questo articolo, dato che abbiamo fatto un articolo completo sulla potatura del gelsomino, dove abbiamo cercato di spiegare tutto in modo chiaro e semplice.

Jasminum polyanthum in vaso

Per lo sviluppo delle sue radici, il gelsomino cinese ( Jasminum polyanthum) può essere coltivato in vaso, purché assicuriamo un muro, una recinzione o un reticolo dove la sua parte aerea possa svilupparsi come specie rampicante.

Jasminum polyanthum coltivato in vaso, dobbiamo assicurarci che abbia una buona esposizione al sole e una buona illuminazione, poiché è un requisito minimo affinché non perda il suo verde originale.

L’ideale è coltivarlo in pieno sole, con un substrato che contenga terriccio, humus e fibra di cocco, seguire lo schema precedente per l’applicazione dei fertilizzanti e posizionarlo in una zona dove gli steli possano sostenersi e arrampicarsi, come grate di finestre, staccionate, porte, ecc. ecc.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.