Suggerimenti

Piante da appartamento, 4 modi per migliorarle se sono appassite e senza vita

Hai piante da interno ? Se hai notato che in casa hai delle piante senza vita, che sono spente, avvizzite e che sembra che non abbiano più una soluzione…. Prova questi rimedi e vedrai che puoi “ravvivarli” perché per fortuna abbiamo una soluzione per la maggior parte dei casi e ti insegneremo come possiamo salvare le piante d’appartamento che sono senza vita e appassite .

Può essere che ultimamente non hai passato del tempo con le piante per nessun motivo, ad esempio perché non sai prendertene cura molto bene, perché sei stato via per qualche giorno e quando sei tornato stavano male o perché ultimamente sei stato molto impegnato e non hai avuto tempo né per prenderti cura delle piante. O semplicemente che la pianta è peggiorata a poco a poco senza una ragione apparente. Comunque sia, ora scopri di avere delle piante dall’aspetto molto brutto a casa e non sai cosa fare. Prendi nota di questi 4 casi tipici che si verificano più spesso quando le piante sono viziate e prive di vita.

4 modi per far rivivere le tue piante da appartamento morte dead

Valutiamo prima la situazione. Se hai acquistato la pianta meno di due mesi fa e ora non sta bene, le cause di questo stato hanno a che fare con l’irrigazione, la luce e la circolazione dell’aria. Se invece sei già con la pianta da più di due mesi, il più delle volte il problema è nell’alimentazione o nei parassiti e nelle malattie.

Per fare una diagnosi della pianta bisogna prestare molta attenzione ad alcuni segnali che sono importanti per poter conoscere qual è la causa dei mali. In questo modo possiamo correggere le cause che hanno causato il danno alla pianta ed essere in grado di lasciarla come nuova il prima possibile.

Primo caso possibile:

  • Sintomi: le foglie sono marroni, secche, croccanti e cadono.
  • Diagnosi: mancanza di acqua. Non stai fornendo abbastanza acqua alla pianta.
  • Cosa fare: mettere la pentola su un recipiente con dell’acqua e far assorbire tutto il necessario. Lascialo lì per un’ora. Se non è possibile, irrigare con piccole quantità d’acqua per un’ora. Successivamente, a poco a poco i rischi aumentano. Assicurati che il terreno della pianta abbia sempre un po’ di umidità nel terreno.

Secondo caso possibile:

  • Sintomi: foglie deboli e giallastre
  • Diagnosi: troppa acqua
  • Cosa fare: controllare se il terreno è bagnato o asciutto. Assicurati che il vaso abbia un buon drenaggio rimuovendo la pianta e mescolando un po’ il terreno per aerarlo e renderlo più spugnoso per evitare che si aggrovigli.

Adeguare l’irrigazione alle esigenze delle piante non è affatto facile. Ma ciò che è facile è cambiare le nostre abitudini quando si risolvono i suddetti problemi con i rischi. Se la tua pianta era cattiva perché l’hai annaffiata troppo e la stavi affogando, riduci i rischi in termini di quantità d’acqua e allunga un po’ di più la periodicità delle irrigazioni. Osserva come risponde la pianta.

Le piante d’appartamento possono essere difficili da curare per gli sbalzi di temperatura e stagionali e per l’atmosfera all’interno della casa. Dobbiamo tener conto che l’aria condizionata, il riscaldamento, ecc. causano secchezza nelle piante e bisogna annaffiarle di più. Mentre se disponiamo di umidificatori per ambienti in casa non avremo bisogno di annaffiarli così tanto. .

Terzo caso possibile:

  • Sintomi: foglie senza vita e poca terra nel vaso
  • Diagnosi: carenze nutrizionali
  • Cosa fare: le piante da appartamento hanno un accesso molto limitato alle sostanze nutritive quando sono in vaso e le sostanze nutritive a cui hanno accesso si esauriscono dopo pochi mesi. A questo va aggiunto che a volte, quando innaffiamo, togliamo parte del terriccio o fuoriesce attraverso i fori di drenaggio del vaso. Ma non preoccuparti, oltre a questo problema ha una soluzione facile, riutilizzeremo i nostri rifiuti. Per ovviare a queste carenze ci accingiamo a sfruttare bustine di tè e fondi di caffè usati. Cospargi il tè o il caffè su tutta la superficie della pentola, sul terreno. Per finire, aggiungi uno strato sottile di terra sopra. Puoi anche aggiungere humus o compost.

Quarto caso possibile:

  • Sintomi: piccole ragnatele e insetti molto piccoli.
  • Diagnosi: peste
  • Cosa fare: possiamo evidenziare tre tipi di parassiti delle piante da interno che sono comuni e si verificano più frequentemente nelle piante che abbiamo in casa. Uno di questi parassiti sono gli acari , un altro sono le cocciniglie e infine la mosca bianca.. Questi parassiti possono diffondersi facilmente ad altre piante, quindi è saggio agire rapidamente. Come prima misura isoleremo le piante infette in modo che non infettino le altre. Per combattere questi parassiti diluiremo 1 cucchiaino di alcol a 96º (quello che abbiamo nell’armadietto dei medicinali) in 300 ml di acqua. Immergi un panno in questa miscela e pulisci le foglie (soprattutto la parte inferiore) e gli steli delle piante colpite. Ripetere la stessa operazione una volta alla settimana per almeno tre settimane consecutive. Fallo preferibilmente di notte e se lo fai durante il giorno cerca di tenere le piante fuori dalla luce solare diretta mentre applichi il trattamento.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *