Funghi

Agaricus urinascens

Caratteristiche macroscopiche

Caratteristiche:

Il cappello è inizialmente globulare, come una palla, e gradualmente si apre per diventare prima convesso e infine esteso. Allo stato sferico, il suo diametro può facilmente superare i 10 cm, mentre una volta esteso può avere un diametro fino a 40 cm. La sua cuticola è di un bianco brillante ed è ricoperta di squame colorate, che con l’età tendono a diventare un po’ ocra e la cuticola si screpola notevolmente con il tempo secco. Se strofiniamo il cappello osserveremo da un lato che assume un colore giallo sporco, e dall’altro che emana un odore percepibile di mandorle amare che non è apprezzato in altre zone del fungo. Un margine regolare con il floccaggio nei giovani esemplari che poi scompaiono.

Il fungo è allo stato sferico, e le foglie sono bianche o grigio chiaro, poi diventano rosa e alla fine del ciclo vitale marrone molto scuro. Il bordo lamellare è sterile, quindi rimane biancastro dopo la maturazione.

Piede corto, solido, cilindrico, bianco pieno. Dalla base all’anello è coperto di gregge, essendo liscio nella zona superiore. Presenta un anello bianco persistente, gremito e finemente dentato nella parte superiore.

Carne bianca spessa e compatta, al taglio diventa appena gialla, ma fa qualcosa di rosa alla base del piede, tuttavia è una specie che reagisce allo sfregamento a toni gialli sporchi che poi diventano ocra. Il suo sapore è dolce e piacevole, il suo odore è leggermente all’anice al momento della raccolta, complesso in seguito ma altrettanto piacevole, solo in vecchi esemplari che non possono essere raccolti diventa più forte e un po’ sgradevole.

Habitat:

Specie esclusiva della prateria o della brughiera di montagna, l’abbiamo sempre osservata ad altitudini superiori agli 800 metri, dove germoglia in filari o “circoli di streghe” a volte spettacolari, raramente isolati. Tende a dare un’epidemia importante nel mese di maggio, a metà primavera, ma germoglia anche nei mesi autunnali. È una specie frequente nel suo habitat.

Commenti:

Il suo habitat esclusivo in prati o brughiere di montagna, il suo portamento certamente spettacolare e le dimensioni delle sue spore, più grandi di quelle di altri Agaricus, ne fanno una specie poco meno che inconfondibile. Come specie commestibile è abbastanza accettabile se si raccolgono solo gli esemplari giovani in perfette condizioni. Agaricus arvensis è simile e può condividere l’habitat, ma è un po ‘meno grande, la sua cuticola è liscia, le sue lame irregolari e le sue spore più piccole. La specie tossica Agaricus xanthodermus è più piccola, con un odore di inchiostro e una base che diventa giallo brillante quando viene strofinata.

Ulteriori informazioni:

  • Nome comune:
    Fungo gigante, palla di neve, palla di elur.
  • Sinonimo:
    Agaricus macrosporus (Jul. Schäff & F. H. Möller) Pilát

Tassonomia:

  • Divisione:
    Basidiomycota
  • Suddivisione:
    Basidiomicotina
  • Classe:
    Omobasidiomiceti
  • Sottoclasse:
    Agaricomycetidae
  • Ordine:
    Agaricales
  • La famiglia:
    Agaricaceae

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *