Suggerimenti

Guida al legno: tipi, usi ed esempi

 Il legno è una materia prima di origine vegetale che si ricava dalla parte inferiore della corteccia di alberi con fusto; si trova negli alberi con fusto legnoso.

Naturalmente ci sono anche piante che non producono legno, si chiamano piante erbacee.

   

⭐️ Per scoprire qual è la migliore ascia per tagliare la legna da ardere, ti consigliamo di leggere questo articolo. 

Cos’è il legno?

Il legno è un materiale ortotropo, con elasticità diversa a seconda della direzione di deformazione, che si trova come contenuto principale del tronco di un albero.

Gli alberi sono caratterizzati dall’avere tronchi che crescono anno dopo anno, formando anelli concentrici corrispondenti alla diversa crescita della biomassa a seconda delle stagioni, e che sono composti da fibre di cellulosa unite alla lignina .

   

Usi del legno

  1. Il legno viene utilizzato per la costruzione dei prodotti necessari nelle nostre case, come sedie, tavoli, letti, mobili in genere, ma ha anche un campo nella tecnologia, dove viene utilizzato in moltissimi progetti.
  2. È una risorsa organica poco costosa, abbondante, rinnovabile con cui è molto facile lavorare.
  3. Il legno è un buon conduttore del suono, è un isolante termico ed elettrico, è rinnovabile, riciclabile e biodegradabile, duttile, malleabile e tenace.
  4. Ma, in più, il legno ha altri usi pratici che rendono la vita più sopportabile per gli esseri umani.
  5. Con esso viene prodotta polpa o polpa, che è la materia prima per la carta.
  6. La legna viene prodotta anche per alimentare il fuoco; È stato usato in questo senso da tempo immemorabile.
  7. È utilizzato nell’edilizia, nella falegnameria ed è stato utilizzato per i trasporti, come navi e carrozze, per molto tempo.
  8. Infine, va bene per pavimentazioni e pavimentazioni, come bancali, pavimenti flottanti e parquet; in Europa il suo uso in questo senso si diffuse a partire dal XVII secolo.

   

Quali tipi di legno esistono?

In base alla lunghezza delle loro fibre, i legni si classificano in legno a fibra lunga e legno a fibra corta ; Sono anche classificati in base alla loro grana fine o alla loro grana grossa.

Per quanto riguarda il tipo di legno si suddividono come segue:

Legni teneri

Legni teneri , che sono quelli che provengono da alberi a rapido accrescimento , conifere, con foglie aghiformi.

I legni teneri sono di colore molto chiaro e facili da lavorare , come salice pioppo, acacia, pino , ecc. 

   

Legni duri

I legni duri sono quelli provenienti da alberi decidui a crescita lenta , che sono spesso oleosi e vengono utilizzati nei mobili , nelle costruzioni robuste, nei pavimenti in parquet, per gli attrezzi, ecc.

 Esempi di legni duri sono rovere e noce

Legni resinosi

Legni resinosi , particolarmente resistente all’umidità, utilizzato nell’arredamento, nell’elaborazione di tipi di carta, come cedro e cipresso.

Legni pregiati

Legni pregiati , utilizzati in applicazioni artistiche, come scultura e architettura , per mobili e strumenti musicali e ornamenti ; ebano, acero e abete, tra molti altri, spiccano in questo senso .

Infine i legni prefabbricati , che sono ricavati da ritagli di legno.

Di questo tipo di legno sono il compensato, il tablex , gli agglomerati, i pannelli di fibra.

   

Cosa sono i legni teneri (esempi di legni teneri)?

Come abbiamo indicato prima, i legni teneri sono quelli che  Non presentano difficoltà quando ci si lavora. 

Sono, quindi, i legni più facili da graffiare, inchiodare o avvitare.

Ci sono molti esempi di questo tipo di legno:
  • Zattera . Il legno di balsa è la specie di legno più leggera e morbida. Viene utilizzato principalmente nei modellini di aeroplani e per i modellini, è molto facile da lavorare e può essere graffiato con l’unghia.
  • Cedro rosso del Pacifico . Il suo legno è bruno rosato, venato, leggero, morbido e molto resistente alle intemperie . Viene utilizzato principalmente in carpenteria, strumenti come custodie per chitarra, rivestimenti e pali. Bisogna fare attenzione quando lo si lavora in modo che non si verifichino ammaccature.
  • pioppo . Il suo legno è di colore chiaro, viene utilizzato principalmente per ottenere piallacci piani e fare compensato, anche in scatole e contenitori. È un legno di grande leggerezza.
  • Cipresso falso. Il suo legno ha una buona durabilità, è stato utilizzato in edilizia, per rivestimenti interni e nella costruzione di barche.
  • Falso castagno . Il suo uso è principalmente ornamentale come albero. Il suo legno ha usi specifici come decorativi, chitarre elettriche e piccoli oggetti in legno.
  • Abete alpino. I legni del genere abete sono teneri, ma questo è il meno tenero. Questo legno viene utilizzato nell’industria della carta e talvolta per scopi strutturali.
  • Abete comune. È il più morbido, è ampiamente utilizzato nell’edilizia, ad esempio nella produzione di travi laminate e pavimenti tra gli altri prodotti.
  • Pioppo balsamico. Questa specie del genere Populus ha il legno più tenero . Il suo legno è leggero, fibroso, poco resistente e durevole; Viene utilizzato per pasta di carta, fiammiferi e scatole da imballaggio.

   

Cosa sono i legni duri (esempi di legni duri)?

I legni duri sono compatti e resistenti e provengono da alberi a crescita lenta, la loro grana è solitamente diversa in ogni tipo; con esso, per la sua bellezza, vengono costruiti i mobili più colorati.

Non c’è tanta disponibilità che, sommata alla loro resistenza e alla bellezza della loro grana , li rende molto costosi; Non è un legno per il principiante del fai da te.

Essendo resistenti all’umidità, agli agenti atmosferici e agli sbalzi di temperatura, i mobili in legno massello sono particolarmente adatti per bagni o cucine.

Alcuni esempi di alberi di latifoglie sono i seguenti:
  • Ebano. La falegnameria deve il suo nome a questo legno nero, originario dell’Africa dove è considerato sacro da secoli. Pesa molto, ha una consistenza morbida e un’alta densità.
  • Quercia.  Rosso e bianco, è uno dei legni più utilizzati nella fabbricazione di mobili.
  • Noce.  Utilizzato con altri legni impiallacciati, è di colore marrone, facile da lavorare e costoso.
  • betulla . Più economico di altri legni, lo troviamo nei colori giallo e bianco.
  • Mogano. Di colore bruno rossastro, è costoso e difficile da ottenere, e per la sua eleganza è uno dei più ricercati.

   

Quali elementi chimici ha il legno?

I componenti principali del legno sono cellulosa 40%, sostanze simili alla cellulosa 24-32% e lignina 22-30%.

La cellulosa è insapore, inodore e incolore, resistente all’acqua e agli agenti atmosferici.

La composizione chimica della lignina è simile alla cellulosa.

Altri componenti secondari del legno sono resina, trementina, grasso, cera, coloranti e sostanze inorganiche come potassio , sodio, calcio, magnesio, acido fosforico e ossido di ferro .

La composizione chimica del legno è così distribuita: carbonio elementare 50%, ossigeno 46%, idrogeno 6%, e piccole quantità di componenti di cenere, 1%

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.