Suggerimenti

Come aumentare il raccolto dell’orto e ottenere più produzione

È possibile aumentare il raccolto dell’orto nello stesso spazio? La risposta è si. Nel post di oggi vedremo alcune tecniche di coltivazione e accorgimenti per aumentare la produzione di piante da giardino .

Realizzare una corretta progettazione dell’orto e delle associazioni colturali , utilizzare piantagioni sfalsate o effettuare le potature adeguate sono alcuni dei trucchi per aumentare la resa dell’orto .

Oltre a ottenere una maggiore produzione nell’orto , queste tecniche ecologiche serviranno anche ad avere un raccolto migliore : gli alimenti biologici sono più sani e di qualità superiore rispetto a quelli dell’agricoltura convenzionale e, per maggiori benefici , vengono coltivati ​​proteggendo il suolo, l’aria e le piante. dall’inquinamento con prodotti chimici artificiali.

✍9 trucchi per aumentare il raccolto dell’orto

Successivamente vedremo alcune tecniche di coltivazione per migliorare le prestazioni del giardino in modo semplice.

Se combini diversi di questi accorgimenti per aumentare la produzione delle piante probabilmente vedrai buoni risultati e otterrai un raccolto più alto rispetto alle altre stagioni.

1. Pianifica il layout del giardino e l’associazione delle colture

Un modo per aumentare il raccolto dell’orto è sfruttare la compatibilità tra le piante pianificando una corretta associazione delle colture .

È scientificamente provato che la coltivazione simultanea di piante compatibili , cioè piantare vicino (nello stesso vaso o sullo stesso aiuola) specie diverse con associazioni benefiche reciproche , produce benefici per le piante rispetto alla loro coltivazione separata: maggiore resistenza a parassiti e malattie, migliore utilizzo delle risorse (luce, acqua, sostanze nutritive…), ecc.

Inoltre, una buona progettazione delle associazioni colturali ci consentirà di avere più piante nello stesso spazio (il che implica un raccolto maggiore per metro quadrato).

Possiamo intervallare, ad esempio, piante alte -come pomodori o peperoni- con altre di diversa dimensione e velocità di crescita come piante aromatiche, cipolle o lattughe. In questo modo sfruttiamo lo spazio libero tra le piante grandi, che devono essere più distanziate, senza risentire della coltivazione delle piccole piante orticole che poniamo tra loro, poiché hanno apparati radicali di diversa profondità, che non non competere per l’acqua e le sostanze nutritive.

Esempi di associazioni di colture:

  • Piante aromatiche e fiori commestibili , come la menta, il basilico o la calendula, avvantaggiano alcune verdure perché spaventano gli insetti che possono diventare parassiti.
  • Associazione di legumi con mais per migliorare la fertilità del suolo.
  • Colture che respingono i parassiti : ad esempio carota con porro (la carota respinge il verme del porro e respinge la mosca della carota), o aglio e cipolle con belladonna (la prima respinge l’afide che colpisce le belladonna come il pomodoro)
  • Altri e ESEMPI associazioni di buone e cattive coltivazioni in giardino

2. Rotazione delle colture

La rotazione delle colture è un’altra tecnica tipica dell’agricoltura biologica . Con questa tecnica si sfruttano le proprietà delle diverse tipologie di colture e le differenze tra di esse per aumentare il raccolto.

La teoria è simile a quella della tecnica dell’associazione colturale: alternare colture diverse . La differenza è che, questa volta, invece di creare una combinazione spaziale (la collocazione nei letti/vasi) creeremo una sequenza temporale in modo che ciò che pianifichiamo sia la rotazione di diverse colture nello stesso spazio .

Per questo è importante conoscere le caratteristiche di ciascuna delle colture (famiglia di appartenenza, profondità delle radici, fabbisogno nutritivo…).

Ad esempio, sappiamo che i legumi (piselli, lenticchie, fave o fagioli…) sono piante che fertilizzano il terreno fissando l’azoto atmosferico mediante i noduli delle loro radici. Sarà interessante, quindi, piantare in quello stesso spazio -dopo la coltivazione dei legumi- qualche pianta con un elevato fabbisogno nutritivo (broccoli, spinaci, belladonna come i pomodori, cucurbitacee come le zucche…) per sfruttare il buon condizioni del terreno e quindi ottenere una maggiore produzione di piante .

Nel post su come pianificare la rotazione delle colture in giardino diamo maggiori dettagli ed esempi sulle rotazioni per aumentare il raccolto .

3. Dimensioni dei contenitori e distanza tra le piante

Se andremo a coltivare un orto in vaso (vaso da fiori) o in un altro tipo di contenitore di coltivazione, è importante scegliere la giusta dimensione .

Alcune piante orticole, come il pomodoro, la melanzana o il melone, hanno radici molto profonde, quindi saranno necessari contenitori grandi e sufficientemente profondi per avere una maggiore produzione . In caso contrario, lo noteremo al momento della raccolta perché le colture non potranno svilupparsi bene.

Lo stesso accade se, nel giardino terrazzato, la distanza tra le piante non è sufficiente e le loro radici si “scontrano” o si impigliano.

Occorre quindi tenere conto del tipo di radici che hanno le colture (se profonde e pivottanti o estese ai lati) per posizionare le piante sufficientemente distanti tra loro.

Se non si dispone di molto spazio, meglio scegliere piante con radici piccole o non troppo diffuse come fagioli, lattuga, bietola, fragole, ravanelli, carote o piante aromatiche.

4. Piantagione sfalsata

Si tratta di sfruttare la rapida velocità di crescita di alcune colture per ottenere più raccolto nello stesso spazio.

Ci sono ortaggi a maturazione precoce che danno il raccolto in meno tempo, e altri a maturazione tardiva che impiegano più tempo a produrre.

Se piantiamo un raccolto veloce (lattuga per esempio) nello spazio libero fino a quando non cresce un raccolto più lento (come cavoli o broccoli), approfittiamo dello spazio e non c’è quasi nessuna competizione tra i due.

Inoltre con le piante a ciclo veloce possiamo ottenere più raccolti in una sola stagione se le seminiamo a tappe. Ortaggi come lattuga, ravanelli, spinaci o rape possono impiegare solo un mese o un mese e mezzo per essere pronti, quindi possiamo avere una produzione continua di ortaggi se seminiamo le nuove piante prima di raccogliere quelle vecchie (tutto entro il stessa stagione).

5. Effettua un abbonamento corretto

La concimazione delle piante è uno degli aspetti più importanti per ottenere un buon raccolto . Senza i nutrienti adeguati, le piante non cresceranno bene o i frutti non saranno in grado di svilupparsi.

Sebbene possiamo sempre ricorrere a fertilizzanti chimici che, a priori, possono sembrare più efficaci per la loro alta concentrazione di nutrienti, da Agrohuerto consiglieremo sempre la concimazione organica.

Le ragioni per scegliere fertilizzanti e fertilizzanti organici e naturali rispetto ai fertilizzanti chimici sono molte (salute, ambiente, conservazione delle risorse…), ma da un punto di vista tecnico, e sull’argomento che ci interessa oggi («ottenere più quantità raccolto’) c’è un motivo impellente: la “Legge dei rendimenti decrescenti” .

Questa premessa, soddisfatta per l’applicazione di fertilizzanti chimici nella maggior parte dei terreni e delle colture, afferma che:

All’aumentare delle dosi di un elemento fertilizzante, l’aumento del raccolto ottenuto da ciascuna unità fertilizzante fornita è sempre minore, fino a raggiungere un punto in cui i raccolti non solo non aumentano, ma diminuiscono.

Legge di Mistcherlich

Il modo ideale per ottenere una buona produzione nell’orto biologico è, quindi, applicare fertilizzanti naturali che forniscano sostanze nutritive alle piante rendendole più forti e migliorando le caratteristiche del terreno.

In questo post sui tipi di fertilizzante organico per il giardino parliamo di 10 fertilizzanti ecologici che possono essere utilizzati per aumentare la produzione delle piante.

6. Irrigazione, potatura e altre attività di coltivazione

L’acqua, come il compost, è uno degli elementi fondamentali di cui le piante hanno bisogno per crescere. Sarà necessaria un’adeguata pianificazione dell’irrigazione e la documentazione dell’acqua necessaria per ciascuna coltura affinché possano crescere bene.

Come si dice sempre, l’irrigazione frequente ea piccole dosi è preferibile a grandi irrigazioni molto distanti nel tempo. Pertanto, di tutti i tipi di irrigazione per il giardino , sono più adatti sistemi localizzati ad alta frequenza e poca quantità d’acqua, come gocciolamento, microirrigatore o nastro essudante.

L’uso della pacciamatura o pacciamatura favorisce, tra l’altro, la prevenzione delle erbe infestanti e aiuta a conservare l’umidità e la fertilità del suolo, che miglioreranno lo stato delle nostre colture.

Altri compiti, come il diserbo o la potatura delle specie orticole e l’eliminazione dei polloni, ci aiuteranno ad ottenere una maggiore produzione. La potatura delle piante di pomodoro , ad esempio, fa crescere i pomodori più grandi, più sani.

7. Uso di biostimolanti e emendamenti

Esistono prodotti naturali realizzati con determinati semi, con alghe o con estratti vegetali che sono in grado di stimolare la crescita delle radici o, in generale, lo sviluppo della pianta e dei suoi frutti, quindi servono ad aumentare la produzione delle piante. dal frutteto.

Ne abbiamo già parlato nel post sui tipi di biostimolanti agricoli per piante più sane , dove puoi trovare maggiori informazioni su questi prodotti naturali per aumentare il raccolto .

8. Impollinazione artificiale o manuale

La fecondazione degli ovuli con il polline all’interno dei pistilli dei fiori è condizione essenziale per lo sviluppo dei frutti.

A causa, tra l’altro, della crescente assenza di api e altri insetti impollinatori, a volte è necessario per noi effettuare l’impollinazione manuale, soprattutto nel caso degli orti urbani. Il polline viene depositato manualmente sui pistilli dei fiori per aumentare il raccolto del frutteto.

In alcune piante da giardino che hanno fiori femminili e fiori maschili separati, come zucchine, zucca o cetrioli, l’impollinazione manuale è essenziale in assenza di impollinatori. In altri ortaggi da frutto, come pomodori, peperoni o melanzane, questa tecnica è utile anche perché aiuta ad aumentare il raccolto del frutteto grazie al maggior numero di fiori fertilizzati.

Consiste nel raccogliere il polline dagli stami dei fiori maschili con uno spazzolino, un pennello o un cotton fioc, e posizionarlo sui pistilli dei fiori femminili.

9. Prevenzione di parassiti e malattie

Una delle cose che possono rovinare il raccolto sono i parassiti e le malattie del raccolto .

Per prevenire questi problemi, è meglio usare metodi di controllo dall’inizio, prima che parassiti o funghi compaiano sulle piante del giardino.

Nel post sulla Lotta integrata ai parassiti abbiamo visto quali sono le chiavi per prevenire e, se si presentano, per controllare in modo ecologico i parassiti dei frutteti.

Spero che il post di oggi vi sia stato utile Conoscete altri trucchi per aumentare il raccolto o ottenere più produzione? Fatecelo sapere nel thread dei commenti qui sotto!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *