Suggerimenti

Tipi di radici

Abbiamo tutti un’idea di quali siano le radici delle piante: quella parte inferiore che solitamente viene tenuta sottoterra e attraverso la quale la pianta ottiene acqua e sostanze nutritive. Tuttavia, definire e classificare correttamente le radici in base alla botanica richiede un po’ più di lavoro.

Se vuoi saperne di più su questa parte delle piante e sui loro tipi, unisciti a noi in questo pratico articolo di EcologíaVerde in cui vedrai i tipi di radici, così come le loro caratteristiche e le foto di alcune rilevanti.

Cosa sono le radici – definizione semplice

Le radici sono il primo organo che la pianta sviluppa durante la germinazione. Crescono diffondendosi e ramificandosi, generalmente sottoterra, per coprire quanto più terreno possibile e aumentare così la capacità della pianta di assorbire acqua e sostanze nutritive, cosa che fanno per mezzo di «peli» assorbenti. Questi nutrienti vengono quindi trasportati al resto della pianta.

Le radici hanno anche la funzione di ancorare la pianta al terreno nella maggior parte dei casi, anche se esistono piante con radici aeree e svolgono altre funzioni, come nel caso di alcune orchidee, che possono svolgere la fotosintesi.

Tipi di radici: classificazione

Esistono diversi modi in cui possiamo classificare le radici:

Tipi di radici in base alla loro forma

  • Radici primarie o assonomorfe
  • radici fascicolate
  • radici napiformi
  • radici ramificate
  • radici tuberose

Tipi di radici secondo la direzione di crescita

  • radici avventizie
  • radici acquatiche
  • succhiare le radici
  • radici aeree
  • radici di stoccaggio

Tipi di radici in base all’ancora che danno alla pianta

  • radici contrattili
  • Radici o palafitte grossolane
  • radici epifite

Radici primarie o assonomorfe

Chiamata radice primaria, fusiforme, tipica, imperniata o assonomorfa. Si caratterizza per essere un tipo di radice in cui è presente una radice principale, di spessore e dimensioni molto maggiori, da cui si diramano radici secondarie di lunghezza e spessore inferiori.

Immagine: siti Google Scienze naturali

radici fascicolate

Detta anche radice atipica o fibrosa. In questo tipo di radici non c’è radice principale, quindi tutti i rami sono ugualmente importanti e possono raggiungere dimensioni simili. È uno dei tipi di radici più comunemente visti nelle piante paesaggistiche.

radici napiformi

La pianta contiene un grosso fittone, che si è evoluto per poter immagazzinare nutrienti di riserva e altre sostanze vitali. Pertanto, sono radici molto spesse e, inoltre, molte di esse sono commestibili.

radici ramificate

La struttura di questa radice ricorda molto i rami di un albero. Non è costituita da una radice principale, e si ramifica in modo molto marcato ed è per questo che è chiamata radice ramificata.

radici tuberose

Le radici tuberose hanno anche la capacità di espandersi e moltiplicarsi in dimensioni accumulando sostanze di riserva, ma invece di farlo in un’unica radice principale, possono farlo in più depositi. Sono comunemente chiamati tuberi.

radici avventizie

Queste sono radici che nascono e si sviluppano sopra la terra, piuttosto che sotto di essa. Rimane a contatto con il terreno per poter assorbire da esso i nutrienti e l’acqua, ma si espande sopra di esso, senza seppellirsi. Sono suddivisi in fogliari, fibrosi e veri avventizi.

radici acquatiche

Le radici acquatiche sono tipiche delle piante che crescono in ambienti acquatici, come indica il nome stesso. Non sono a contatto con il terreno e assorbono i nutrienti di cui hanno bisogno dalla stessa acqua. Di solito sono piante che non sono attaccate a nulla e galleggiano semplicemente sulla superficie.

Qui puoi imparare +50 piante acquatiche, i loro nomi e caratteristiche con le immagini.

Radici succhianti o parassitarie

Le piante parassite possono sviluppare radici che entrano nei rami o negli steli delle piante che parassitano, assorbendo da esse i nutrienti di cui hanno bisogno. Queste sono le cosiddette radici succhiatrici o parassitarie e qui si possono incontrare diverse piante parassite: caratteristiche, tipologie ed esempi.

radici aeree

È un altro tipo di radice di pianta parassita che cresce verso il basso e può portare a strangolare la pianta ospite. In questo altro post puoi vedere di più sulle piante aeree: tipi, nomi e cure.

radici di stoccaggio

In questo gruppo sono inclusi tuberi e altre radici in grado di immagazzinare acqua e sostanze nutritive nel sottosuolo, per tenerli al sicuro dai predatori erbivori e per poterne sfruttare quando la pianta ne ha bisogno.

radici contrattili

Sono anche un tipo di radice avventizia. Si tratta di radici la cui funzione è quella di spostare i germogli in un luogo vicino alla superficie del suolo. Le radici contrattili sono lunghe e carnose, e quando la pianta cresce viene parzialmente consumata.

Radici o palafitte grossolane

Questi tipi di radici sono noti come radici di sostegno, radici di palafitte o palafitte. Questi partono dalla base del tronco o fusto prima di raggiungere il suolo, e da lì crescono, estendendosi fino ad entrare nel suolo, anche passando attraverso l’acqua, in modo che una parte di essi rimanga visibile. Di solito hanno alberi di grandi dimensioni, che necessitano di maggiore stabilità a causa dell’ambiente in cui crescono.

radici epifite

Sono sviluppati da piante che crescono sulla superficie di altre ma senza parassitarle. Non assorbono i nutrienti dalla pianta portante e si ancorano semplicemente ad essa. Scopri di più su questi con questo altro articolo di EcologíaVerde sulle piante epifite: cosa sono, tipi ed esempi.

Radici commestibili – elenco

C’è un’enorme quantità di radici che consumiamo regolarmente. Alcuni sono coltivati ​​e sono specie da noi addomesticate in agricoltura per il consumo, anche se esistono anche radici di piante selvatiche che normalmente non vengono consumate, ma si prestano al consumo nei momenti di urgenza o necessità. Queste sono alcune delle radici commestibili più consumate:

Tendono ad essere specie ricche di carboidrati e amido, altamente nutrienti e apprezzate. Inoltre, alcune delle specie selvatiche di radici commestibili sono le seguenti:

  • Grembiule – Trifolium alpinum
  • Aglio selvatico – Allium vineale
  • Carota selvatica – Daucus carota

Nel caso delle specie selvatiche, è fondamentale assicurarsi di conoscere bene le specie che andremo a consumare prima di farlo, poiché la confusione può comportare gravi conseguenze con l’avvelenamento.

Se desideri leggere altri articoli simili a Tipi di radici, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.