Suggerimenti

Clematide: cura

Clematis o clematis è in realtà un intero genere di piante rampicanti della famiglia delle Ranunculaceae, che ha al suo attivo più di 400 cultivar. Le cosiddette gioie dei viaggiatori o fiore dei sognatori sono piante di grande bellezza e resistenza che crescono spontaneamente senza difficoltà e soprattutto in climi umidi, come la campagna inglese, da cui alcune provengono.

Se vuoi saperne di più sulla cura della pianta della clematide o della clematide, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde.

Caratteristiche della pianta clematide

Le clematidi sono piante erbacee e piante legnose, oltre ad essere piante rampicanti, con foglie che si dividono in tre foglioline e sfumature di verde che si schiariscono o scuriscono a seconda di quanto sole ricevono. Esistono piante perenni e decidue, anche se quello che spicca di più è il fiore clematide, che compare nei mesi caldi e si distingue facilmente per i suoi vistosi tepali, che ricordano quasi dei petali. Questo fiore è anche molto aromatico, dal profumo intenso che ricorda il gelsomino, ed è molto apprezzato dagli amanti della botanica e del giardinaggio. Pergolati o con una superficie adatta per arrampicarsi, le clematidi possono raggiungere altezze fino a 5 metri, rendendole un’ottima opzione per decorare pareti, alberi o pergolati.

Particolare attenzione va però riservata alla loro coltivazione in aree dove sono presenti animali domestici o bambini piccoli, in quanto queste piante sono tossiche: i loro olii essenziali e composti sono irritanti per la pelle e le mucose e possono causare danni più gravi se ingeriti in grandi quantità le quantità; qualcosa che non è davvero facile che accada.

Nonostante ciò, in quantità sufficientemente piccole la pianta può avere effetti positivi. È un battericida provato ed è stato tradizionalmente utilizzato dagli indiani d’America per alleviare i sintomi di emicrania e disturbi nervosi.

Posizione per clematide

Queste piante devono essere poste preferibilmente all’aperto data la loro natura rampicante. Se ti piace questo tipo di piante, qui puoi scoprire molte altre piante rampicanti.

È possibile piantare la clematide sia in vaso che direttamente nel terreno:

  • In una pentola, è fondamentale posizionarci sopra un buon palo o canna, oltre ad utilizzare un contenitore di dimensioni sufficienti e fori di drenaggio. In questo senso , i vasi in ceramica funzionano meglio, poiché il materiale ha una migliore capacità di rilasciare l’umidità eccessiva in quanto è poroso.
  • Nel giardino sarà necessario posizionare la pianta vicino a dove vogliamo che si arrampichi, che si tratti di un traliccio o di un’altra struttura. Prepara un foro di circa 50 x 50 cm, accanto alla piattaforma su cui vuoi che salga, e posizionalo accanto a una guida o picchetto che condurrà la clematide a questa struttura attraverso la quale crescerà. Si consiglia di dedicare una fossa di una certa profondità, che aiuti la pianta a raccogliere più umidità attorno al suo terreno.

Per quanto riguarda le sue esigenze di luce, la clematide può essere coltivata sia in pieno sole che in mezz’ombra. Infatti, la cosa comune è che le sue foglie e i suoi steli crescono cercando la luce del mattino, che sarà per loro ottima, mentre le radici apprezzano una zona semiombreggiata per mantenere un po’ più di umidità. Il sole diretto nelle ore centrali della giornata, specie nei climi caldi o come quello mediterraneo, può risultare eccessivo per questa pianta.

irrigazione delle clematidi

Uno dei punti più importanti nella cura della clematide è l’irrigazione. È una pianta che necessita di alti livelli di umidità e che, inoltre, non tollera la siccità. Una giovane clematide avrà bisogno di annaffiature frequenti, anche se un adulto e forte può sopravvivere a periodi molto specifici fino a dieci giorni senza annaffiare.

In condizioni normali avrà bisogno di annaffiature da una a tre volte alla settimana, a seconda dell’umidità dell’ambiente e delle caratteristiche del terreno. Naturalmente, è particolarmente importante non allagare durante l’irrigazione, poiché la clematide, sebbene abbia bisogno di abbondante umidità, non tollera il ristagno.

Ti consigliamo di leggere questo altro post su Quando innaffiare le piante.

Terreno o substrato per clematide

Questo è un altro dei punti cardine della sua cura: è necessario un terriccio o substrato ben drenato, per evitare dannosi ristagni idrici, oltre ad essere molto ricco di sostanza organica, qualcosa di fondamentale affinché fiorisca in primavera o in estate.

L’aggiunta di humus di lombrico al terreno o al substrato è un’opzione particolarmente consigliata, oltre a utilizzare una base di fibra di cocco o torba molto leggera. Si consigliano vermiculite e perlite, come si dice sempre.

Clima per clematide

A seconda della varietà e dell’età della pianta, la sua resistenza al gelo è diversa. Durante il loro primo anno, la maggior parte delle varietà non le tollera, mentre in seguito alcune possono sopportare occasionalmente temperature fino a -10ºC, ma questo non si applica a tutte. Scopri in particolare le esigenze climatologiche delle specie della tua clematide. Allo stesso modo, quasi nessuno tollera il sole diretto nelle zone calde e durante le ore di maggiore incidenza del sole, quando è molto più forte.

fertilizzante per clematide

Durante tutti i mesi caldi, dovresti aggiungere del compost alla tua clematide. L’ideale è farlo con fertilizzanti organici, che è sempre un’opzione più ecologica, come humus, compost o guano.

Qui puoi imparare come fare fertilizzanti organici fatti in casa e in questo altro post ti mostriamo come fare il compost fatto in casa.

Se desideri leggere altri articoli simili a Clematis: cura, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.