Piante

Xerogiardinaggio: cos’è e piante

Il termine xerogiardinaggio deriva dal greco dove xeros significa secco. I primi ad usarlo furono gli americani, in particolare negli anni ’70, a causa di un periodo di grave siccità negli Stati Uniti occidentali. Il suo corretto utilizzo delle risorse e il suo basso consumo di acqua hanno permesso la creazione di spazi sostenibili ed estetici. Al giorno d’oggi, ci sono molti che optano per lo xerigarden per avere il proprio spazio che rispetta l’ambiente.

In EcologíaVerde vogliamo incoraggiarti a continuare a imparare come sfruttare le risorse naturali in modo sostenibile. Vuoi saperne di più su cos’è lo xerogiardinaggio e quali piante utilizza? Qui ti portiamo tutti i concetti di base che devi conoscere per iniziare a creare uno spazio unico ed ecologico.

Che xeriscape

Per xerogiardinaggio si intende la realizzazione di giardini atti a ridurre i consumi idrici grazie all’utilizzo di risorse utili alla crescita ottimale delle specie ornamentali affini. È importante non confondere consumi efficienti o ridotti con la mancanza di irrigazione. Allo stesso modo, che le specie ad esse utilizzate non si riducono all’uso esclusivo delle succulente.

L’obiettivo di uno xerogarden è raggiungere la massima sostenibilità, riducendo il consumo di acqua e mantenendo la sua funzione estetica, al fine di preservare l’ambiente. In effetti, è un’opzione altamente raccomandata per gli orti urbani poiché, oltre a ridurre il consumo di acqua, incorporano altri elementi che ne aumentano il valore ecologico, come il basso consumo energetico, l’uso di fertilizzanti e insetticidi naturali o la collocazione di elementi riciclati.

Come facciamo a sapere se un giardino soddisfa i requisiti per essere considerato uno xerogarden? Molto facile. Uno xerogarden consuma solo un quarto dell’acqua utilizzata da un giardino convenzionale. Inoltre, possiedono una ricchezza di flora e fauna autoctone in grado di convivere e crescere con le stesse esigenze di umidità e temperatura.

Piante per xeriscaping

Quando si acquistano piante per uno xerogarden è possibile commettere l’errore di utilizzare solo cactus e piante grasse, ma il mondo di xeriscape ti offre una gamma di possibilità molto più ampia.

Uno xerogarden prevede l’uso di alberi, arbusti, tappezzanti e rampicanti. L’idea principale è quella di creare un ricco ecosistema che consenta la coesistenza di specie sorprendenti e colorate in grado di crescere nelle condizioni specifiche degli xerogardens.

Tra gli alberi più utilizzati nello xeriscaping ci sono:

Nello xeriscaping, come abbiamo già accennato, arbusti e cespugli vengono utilizzati anche per creare riparo per insetti, uccelli e piccoli mammiferi. Tra questi, segnaliamo quanto segue:

  • Cisto
  • coprosma
  • cotoneaster
  • Ibisco
  • Espino
  • lantana
  • Mirto
  • Nandine
  • Oleandro
  • mastice
  • pitosforo
  • Plumbago
  • Scopa
  • Sambuco

Tra le piante tappezzanti più utilizzate nello xeriscaping, segnaliamo le seguenti:

  • Cappero
  • Felicia
  • Artiglio di gatto
  • ontano marittimo
  • erba vergine

Anche le piante rampicanti hanno un posto nello xerogarden, sia per coprire un giardino roccioso che per dare colore a qualsiasi reticolo che usi per abbellirlo:

Inoltre, ecco alcune delle piante grasse o succulente per uno xerogarden:

Infine, nello xerogarden è comune utilizzare anche palme o conifere. L’unica cosa che conta davvero è che tutti coesistono tra loro. Non è necessario limitarsi a un solo tipo per far funzionare il tuo xerogarden. Abbiate il coraggio di creare uno xerogarden con personalità e diversi livelli per riempire di vita la vostra casa.

Ti consigliamo di farti un’idea in più leggendo questi altri articoli sulle Piante da Giardino Mediterranee, che sono abituate a quantità d’acqua variabili e anche moderate o scarse, anche sulle Piante Xerofite: cosa sono, caratteristiche ed esempi e Piante del Deserto.

Suggerimenti per lo xerogarden

Vuoi avere uno xerogarden a casa tua, ma non sai da dove cominciare? Non preoccuparti. Ecco alcuni suggerimenti di base per iniziare a utilizzare xeriscape:

  • Prima di iniziare è necessario realizzare un disegno precedente. È molto importante conoscere le caratteristiche e le esigenze del terreno, oltre a tenere conto della disponibilità di acqua o del clima della zona.
  • Una volta che conosci il tipo di terreno con cui lavorerai, sarai in grado di selezionare le specie più adatte. Se possibile, opta per piante autoctone che necessitano di poca acqua.
  • Per ottenere un effetto maggiore usa specie diverse per i diversi livelli del tuo giardino. Crea un piccolo ecosistema organico con i diversi elementi utilizzando alberi, cespugli, tappeti e rampicanti, nonché le tue piante grasse e succulente preferite.
  • Per l’irrigazione del tuo xerojadrín ti consigliamo di utilizzare il sistema di irrigazione a goccia o microirrigatore. Quindi, ti assicuri di ottenere il massimo dall’acqua che usi. Qui puoi imparare come realizzare un sistema di irrigazione a goccia fatto in casa.
  • Usa l’imbottitura per proteggere le tue piante dall’umidità e definire le aree con pietre arrotondate. Un’altra idea molto buona è quella di creare dei giardini rocciosi per dare riparo alla piccola fauna del vostro giardino.
  • Cerca opzioni ecologiche per la manutenzione del tuo giardino utilizzando fertilizzanti e insetticidi organici.
  • Puoi anche usare ghiaia decorativa o corteccia per aggiungere un tocco di colore al terreno e valorizzare le tue piante.

Se desideri leggere altri articoli simili a Xeriscaping: cos’è e piante, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Piante.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.